Anteprime

Aggiornamenti succosi sulla storia ed i personaggi di Borderlands 2 !




Grazie ad una intervista rilasciata a nowgamer.com, siamo arrivati a scoprire nuovi dettagli sulla trama di Borderlands 2 , dunque non indugiamo e vediamoceli uno per uno.

La Hyperion domina Pandora

Salutate i nuovi dominatori di Pandora. Magari con una bella smitragliata..

La storia ci porterà, è ormai noto, su nuovi luoghi e regioni del pianeta Pandora, ora però dominato dallo strapotere di Handsome Jack, uomo arricchitosi con il commercio dell’Iridium, un nuovo materiale che sta sviluppandosi in ogni dove dopo l’apertura della Cripta: la quantità di denaro in suo possesso è stata sufficiente a permettergli di comprare la stessa Hyperion, già nota per la produzione di armi e Claptrap nel primo capitolo della serie. Armi alla mano, l’intera zona di gioco è stata controllata dai suoi eserciti personali, dunque starà a noi riportare tutto in ordine.

Una Lilith in carne ed ossa ! Ok, ora basta con quegli occhi a girandola.

I personaggi del primo Borderlands non saranno giocabili, ma appariranno come camei nel corso della storia: ad esempio il fido uomo torretta Roland, il soldato, ha dovuto ora adattarsi ad una vita da partigiano, cercando di contrastare nell’ombra il neo potere insediatosi raggruppando un piccolo esercito di Crimson Lance, ora mercenari senza un capo dalla distruzione dell’armeria del Generale Knoxx (o Knorr, come spesso lo si apostrofa tra amici); mistero ancora aleggia sulla presenza di una attrice che interpreterà una Lilith in carne ed ossa, la cui “presenza sarà fondamentale in alcune parti della storia”.
Occhio di riguardo anche per i personaggi di contorno, più numerosi e reattivi, in grado di trasformare gli ambienti davvero in piccole cittadine vive e pulsanti: questi saranno poi in grado di darci anche alcune missioni da compiere, nulla al modo di un Mass Effect, ma nel classico stile Borderlands “ehi scusa tu che sei armato potresti farmi un favore” etc.

Parliamo di personaggi: poteri, commercio e co-op

Salvador pare essere un vero e proprio carro armato di razza umana... e non lo avete ancora visto incacchiato !

I personaggi giocabili sono ancora nell’ombra, tranne per l’ormai celeberrimo Gunzerker, omone dal nome Salvador, che avrà caratteristiche e parametri molto simili al vecchio Berserker, ma invece di entrare in modalità “rage” e pigliare a pugni in faccia i peggio nemici, comincerà a sparare utilizzando anche una seconda arma, in una vera e propria frenesia di fuoco e proiettili. Interessante abilità di tale personaggio sarà poi quella, sbloccabile con il classico albero a punti, di potere usare i propri poteri anche durante il periodo di Second Wind, ovverosia quando si sta per morire e dobbiamo eliminare rapidamente nemici per salvarci la pelle; questo sistema porterà ad un nuovo modo di intendere le meccaniche di gioco, sviluppando strategie ad hoc.
Ricordate poi il sistema a livelli? Ora è stato studiato in modo tale che, per raggiungere l’ultimo possibile, il giocatore debba ripetere una seconda partita dall’inizio, ovviamente in modalità molto più difficile: qui si vedrà la spaccatura tra giocatori occasionali e veri Hardcore Gamers! Per evolversi di grado, come nel primo capitolo,

Contro ondate di nemici, la collaborazione sarà tutto.

conterà il tipo di danni causati al mostro di turno, sempre con la possibilità di trovare un suo punto debole per causare colpi critici, caratteristica che sarà sviluppata in maniera precisa ed originale; è dunque in lavorazione un sistema per evitare l’antico sistema di “ti passo quest’arma buttandotela sui piedi” che, secondo gli sviluppatori, era parzialmente scomoda e, affermano scherzando, rendeva il gioco molto “wild western style”, perciò meglio una finestra privata per le transazioni di ogni genere.
La parte cooperativa sarà studiata per rendere possibile la creazione di partite anche in splitscreen, con tanto di server dedicati online agli amanti di tale tipologia di gioco, realizzando protagonisti dalle skill molto diverse tra loro, in modo tale che sia naturale l’aiutarsi vicendevolmente: per i duelli sarà altresì possibile scontrarsi per vincere soldi oppure arnesi, scudi, armi e quant’altro.

Mezzi di sparo

L'SMG del bandito: arma, come da catalogo, sobria e poco ingombrante.

Ok guerrafondai dal grilletto facile, ora vediamo cosa c’è in serbo per voi sul piano armi: per prima cosa scordatevi quelle incontrate ed utilizzate nel primo Borderlands, perchè sono state completamente cancellate, puf. Al loro posto però arriverà una caterva di milioni di nuovi strumenti di distruzione, con migliore qualità, migliore versatilità e perfino suoni più precisi. Quando acquisterete o troverete un’arma di una certa marca, saprete immediatamente in cosa vi state per imbattere, se in un raggio di fuoco maggiore od in una ricarica più rapida, e così via: in ogni partita troverete sempre qualcosa di diverso. Perfino le granate, che si trovavano in circa 120 tipi diversi, qui saranno in 17-18000 fatture differenti, per effetti davvero di ogni genere concepibile da mente Gearboxiana (con tanto di MOD al seguito).

Espansioni espansive

Tocchiamo un altro tasto importante del brand: all’uscita del gioco seguiranno altrettanti DLC curati con nuove parti della storia e posti freschi da esplorare? In realtà appena uscito il titolo, gli sviluppatori ammettono che non si pensa immediatamente a sviluppare contenuti aggiuntivi, ma che questi arriveranno con il tempo; nel caso ovviamente non si tratterà di qualche cosa di più nella personalizzazione dei personaggi, ma si seguirà lo stile passato nella creazione di vere e proprie piccole sottotrame.

Finiamo dunque il tour toccando forse il punto più importante di tutto il titolo: lo stile. Perchè, anche per i suoi creatori, la serie di Borderlands punta il suo valore sulla propria originalità, su una qualità grafica fumettosa che va oltre la ricerca del fotorealismo dei vari Battlefield e COD, invecchiando molto più lentamente. Le storie dei personaggi, lo humour di fondo ed un mondo sempre più ampio saranno le fondamenta di quello che, già da ora, si prospetta come uno di quei titoli dalla T maiuscola. Ed ora l’articolo è finito, siete liberi di sbavare come volete.

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.