Alexstrasza PC

Alexstrasza – La Regina dei Draghi ruggisce nel Nexus di Heroes of the Storm


È stato con il video Draghi nel Nexus che Alexstrasza è stata annunciata come eroe giocabile di Heroes of the Storm. Assieme a lei nel filmato compariva anche Hanzo, ma mentre per lui bisognerà attendere un altro po’, la Regina dei Draghi è già giocabile da questo mercoledì e quindi ho potuto farci un bel giro di prova.

Eccovi le mie impressioni!

La mia vita per il team!

Alexstrasza è un healer, ma è un healer molto particolare, in quanto le sue cure sono percentuali. Questo la rende molto adatta a curare tank o personaggi dotati di un grosso pool vita. È dotata di ben due abilità in grado di curare che sono Dono della vita e Abbondanza.

Dono della vita ha una meccanica piuttosto particolare: non consuma mana, ma sottrae il 15 % di salute ad Alexstrasza, ma cura l’eroe che ne è bersaglio del 150 % della quantità di vita che essa sacrifica. Ciò cosa significa? Significa che dovrete costantemente controllare il vostro livello di HP se vorrete continuare a curare il vostro team. Questo va fatto cercando di sfruttare saggiamente due cose: i globi rigeneranti e Abbondanza.

Questa abilità infatti è una cura ad area molto potente che, al costo di 75 mana, è in grado di curare il 20 % della salute massima di tutti gli eroi presenti al suo interno, Alexstrasza compresa. Usarla per rifullarsi e poter continuare ad usare Dono della vita è una meccanica che va imparata fin da subito per poter essere veramente efficaci nelle cure. L’unico difetto di Abbondanza è che necessita di 3 secondi per attivarsi una volta piazzata sul terreno, quindi va usata al momento giusto per evitare di sprecarne l’utilizzo!

Le fiamme di un drago

La sua ultima abilità è Folata delle Fiamme: uno skillshot che danneggia i nemici nel tempo bruciandolo per 5.5 secondi. Si tratta di un ottimo strumento per pokare in quanto ha una buona gittata e può essere (a patto di avere mana sufficiente) spammata di continuo dato che ha un cooldown di solamente 2 secondi. A renderla un ottimo strumento per il poke è anche un’altra sua particolarità: ogni volta che Folata delle Fiamme colpisce di nuovo un eroe che sta ancora bruciando gli infligge danni bonus, lo rallenta del 40 % per 2 secondi e in più il costo in mana dell’attacco viene rimborsato! Capirete quindi si tratta di un’abilità molto versatile che viene utile per pokare, creare confusione durante le fight e pure scoutare nei cespugli.

Ma non si tratta dell’unico modo di Alexstrasza per fare danni. Quando la fight sta per scatenarsi è tempo di usare il suo tratto: Regina dei Draghi. Premendo il tasto D, Alexstrasza assume la sua vera forma, ovvero quella di un possente drago sputafuoco diventando molto più potente e acquisendo nuove abilità. Dono della vita  diventa Soffio della vita che non necessità più del  sacrificio di salute da parte di Alexstrasza e ha un cooldown molto più ridotto. Abbondanza diventa Conservazione che copre un’area molto più ampia e cura ben il 10 % di salute in più.  Folata delle Fiamme diventa Battito d’Ali che danneggia i nemici e li respinge. Inoltre i suoi attacchi base diventano delle poderose fiammate che colpiscono a cono di fronte a lei curando gli alleati e danneggiando i nemici. Ah e, come se non bastasse, tutti gli effetti di stordimento, rallentamento e immobilizzazione che la colpiscono sono dimezzati.

Insomma, Regina dei Draghi, è potente, molto potente e può ribaltare le sorti di una fight visto che dona ad Alexstrasza un buon output di danni, ne aumenta notevolmente le capacità curative e le da anche la possibilità di fare crowd control grazie a Battito d’Ali. Attenzione però perchè ha un casting time di 1,25 secondi, ha cooldown di 150 secondi e ne dura 15, quindi non va assolutamente sprecata!

Curo o uccido curando?

A completare il set di abilità di Alexstrasza abbiamo le due eroiche Protettrice della Vita e Fiamma Purificatrice.  La prima “lega” Alexstrasza ad un eroe e, dopo due secondi, quello dei due che ha la percentuale di salute minore riceve la stessa percentuale di salute dell’altro. Sebbene possa essere usata per curare se stessi, il suo scopo principale dovrebbe essere quello di curare un tank, in quanto permette di fullarlo completamente in un attimo; sempre a patto di avere la propria barra della salute in buone condizioni.

Fiamma Purificatrice invece, dopo 1,25 secondi fa decollare in volo Alexstrasza in forma di drago e le fa sparare 5 globi di fuoco nel giro di 6 secondi. All’impatto, questi globi danneggiano i nemici e contemporaneamente curano gli alleati. È possibile scegliere il luogo di caduta dei globi con il cursore del mouse e anche dove far atterrare Alexstrasza al termine dell’attacco. Questa abilità è molto diversa dalla prima e, secondo me, anche la più adattabile ai vari scenari che possono capitare in partita e anche la più adatta a sopperire alla scarsa mobilità di questo personaggio. I vostri compagni sono sotto forte attacco da parte di dei melee?  Li potete curare e allo stesso tempo aiutare infliggendo danni. C’è un mage avversario che riesce a tenersi ottimamente fuori dalla fight? Potete fargli piovere del fuoco in testa in modo da costringerlo a muoversi. Siete posizionati male all’inizio di una fight? Volate in alto, danneggiate i nemici, o curate e poi atterrate al sicuro dietro ai tank. Insomma, ci siamo capiti.

Conclusioni

Alexstrasza è un healer molto interessante.  Visto il suo tipo di healing è indicata per composition composte da più warrior o bruiser con un’alta quantità di salute. Funziona molto bene anche in coppia con altri healer, che la possono tenere con gli HP alti e permetterle di usare Dono della Vita senza problemi. Non è indicata contro team che si affidano ad eroi con un’alta mobilità: Genji o Tracer possono diventare un vero incubo per lei. Anche eroi con molta gittata come Junkrat, Cromie o Kel’Thuzad possono rappresentare una minaccia per Alexstrasza visto che possono colpirla facilmente fregandosene della frontline. Il bello però è che nonostante necessiti di costante protezione, quando arriva il momento della fight, la si può usare in maniera più aggressiva grazie a Regina dei Draghi.

La chiave per utilizzarla al meglio sta proprio nel saper alternare aggressività e prudenza, cosa che rispecchia la sua doppia natura di Drago e Protettrice della Vita. Bisogna avere quindi un’ottima visione di gioco e saper bene quando è il momento di azzardare, oppure no. Un’altra ottima aggiunta al parco eroi di Heroes of the Storm.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.