antigraviator PC, Recensione

Antigraviator – Recensione – Quando il tachimetro è infinito


Cybernetic Walrus

Sviluppatore

Iceberg Interactive

Publisher

Guida, Racing game

Genere

Antigraviator è un gioco di corse, o racing game se preferite, caratterizzato da un’ambientazione futuristica e il non piccolo particolare che potremo raggiungere velocità molto elevate rispetto ad un classico gioco di macchine. Trailer, poi proverò a spiegarmi meglio:

F-Zero o Wipeout? Possiamo facilmente capire da quali titoli ha preso spunto Antigraviator. Chiunque abbia anche solo fatto un paio di partite ad uno dei suddetti giochi, ne noterà le influenze.

Vado a più non posso

antigraviatorUno degli elementi cardine di Antigraviator, che si nota immediatamente, è la mancanza di un limite di velocità massima. La nostra navetta potrà raggiungere velocità altissime con conseguente difficoltà nel vedere le curve. In alcuni circuiti la velocità che andremo a raggiungere sarà talmente elevata che non avremo modo di accorgerci di eventuali difficoltà sul nostro percorso. Bisogna anche dire che cozzare contro alle pareti laterali non è esageratamente punitivo nei confronti del giocatore, soprattutto in single player e con avversari del nostro stesso livello. La conoscenza delle mappe gioca un ruolo fondamentale ed è quasi impossibile compiere una gara molto buona senza conoscere tutte le insidie di un determinato percorso.

Trappole

antigraviatorL’elemento di gameplay maggiormente da registrare sono le trappole. In alcuni momenti della nostra gara potremo attivare dei trabocchetti(premendo un tasto) per cercare di rallentare i nostri avversari. Una volta fatto, la nostra navetta verrà circondata da uno scudo blu che ci proteggerà dalla trappola che noi stessi abbiamo attivato. Quando vedete lo scudo diventare verde, significa che qualche avversario non è uscito indenne dal trabocchetto. Esistono diversi stratagemmi attivabili sia da noi che dagli avversari in grado di rallentare gli altri piloti. Il problema e che alcuni di essi sono un pochettino da rivedere o almeno da bilanciare. Mi riferisco in particolare al “bombardamento” a cui ho visto eliminare tutti gli avversari in un colpo solo(dopo 30 secondi di gara). Il meccanismo delle trappole stride un pochettino con le velocità che potremo raggiungere. In alcuni casi avremo la percezione di non aver alcune chance di uscire indenni da una trappola avversaria. I detriti che possono essere lanciati sul percorso mi sono caduti direttamente sopra alla navicella proiettandomi fuori pista e senza darmi la minima possibilità di anche solo capire cosa fosse successo. Il gioco cerca di indicarci la posizione degli ostacoli con una freccia ma molto spesso saremo troppo occupati a guardare altrove.

Modalità di gioco

antigraviatorAntigraviator ci permette di provare la nostra abilità nella modalità single player, in split screen oppure nella modalità multiplayer corredata da un sistema ELO che dovrebbe permettere di incontrare avversari in linea con il proprio livello di abilità. La modalità in singolo prevede che affrontiate dei campionati diversi in cui gli avversari diventano progressivamente più veloci e difficili da battere. Giungere in prima posizione ci permetterà di accedere alla lega superiore, piazzandoci sul podio avremo un premio in denaro in game con cui modificare la propria navicella. Ovviamente questa modalità è una sorta di grande allenamento per poi poter affrontare la modalità online con una buona conoscenza dei percorsi.

Grafica e sonoro

antigraviatorVisivamente Antigraviator è ben realizzato senza però raggiungere l’eccellenza. I percorsi che andremo ad affrontare sono abbastanza vari tra di loro e in alcuni specifici casi sono presenti delle sezioni originali da vedere e anche interessanti da percorrere. La cura riposta nei dettagli della navicella è nella media. Esiste anche un, per ora, piccolo sistema di personalizzazione estetica della navetta dove, potremo cambiare alcuni colori della carrozzeria. Da notare che potremo anche sostituire alcune parti andando a modificare le statistiche della navetta stessa. Non ci sono moltissimi mezzi/parti da scambiare ma ne potrebbero essere inserite nel prossimo futuro. La colonna sonora non mi ha catturato moltissimo ed è stata sostituita dalla musica scelta autonomamente nell’arco di 3-4 ore. Gli effetti di gioco sono pochi e sempre molto simili ma a mio modesto parere non ne servono di più per rendere migliore l’esperienza di gioco.

Controlli

Possiamo utilizzare sia il controller che la tastiera. Sinceramente non so dirvi cosa sia meglio, considerato che la mia natura di giocatore solo PC tende a preferire la tastiera per la maggior parte dei giochi. L’unica cosa che posso dirvi è la buonissima responsività di tutti e due i metodi di input. La tastiera rimane utilizzabile proprio perché i tasti necessari sono pochi, basteranno i classici WASD e quattro altri tasti (di default sono le frecce direzionali) con cui attivare turbo, trappole e far ruotare la navetta a destra o sinistra per lanciare via gli avversari troppo vicini. Si utilizza anche lo shift per frenare, in modo da poter evitare di colpire i muri anche nelle curve più difficili.

Valutazione Finale

grafica 80%
sonoro 68%
giocabilità 79%
carisma 70%
longevità 78%
Final Thoughts

Antigraviator è un racing game piuttosto solido che presenta ancora qualche spazio per essere ulteriormente migliorato. Sicuramente non è il nuovo F-Zero, o Wipeout, ma in questi anni è il titolo che più si avvicina. Ultimo appunto per il motion sickness. Essendo il gioco molto veloce tende a far venire un pò di nausea a qualche giocatore. In caso abbiate avuto problemi in passato con titoli simili, non vi consiglio di acquistarlo.

Overall Score 75%

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.