command & conquer News, PC

Command & Conquer – Rivals – Come accanirsi su un franchise defunto da tempo


Durante la conferenza EA viene annunciato il prossimo capitolo di Command & Conquer, chiamato Rivals. La particolarità? E’ per mobile. Trailer di seguito, date un occhio al rapporto like/dislike. Per introdurlo prendo in prestito una frase dalla conferenza Devolver Digital,

ROLL THE GARBAGE

Vi racconto un pò di storia, una storia che parte dal 1995 con protagonista un piccolo studio di sviluppatori californiani chiamato Westwood Studios. Questa piccola software house vantava già una buona esperienza (porting di altri giochi e qualche titolo GDR a tema fantasy) e iniziò a far capire il suo vero potenziale realizzando Dune II. I successivi passi la videro concentrarsi sui giochi di ruolo per poi arrivare, nel 1995, alla realizzazione di C&C: Tiberian Dawn. Fu una rivoluzione. Venne introdotto uno scenario fantascientifico in cui una sostanza aliena detta Tiberium cade sulla terra contaminandone una parte in modo quasi irreparabile. Il gameplay assomigliava a quello di Dune II ma con miglioramenti e rivisitazioni varie. Le due fazioni contrapposte erano Nod e GDI, la prima di carattere semi terroristico che si contrappone alla seconda, finanziata dalle nazioni unite e dall’ONU.

Successo crescente

command & conquerTiberian Dawn venne accolto benissimo e diede il via alla serie. La Westwood riuscì a creare prodotti di qualità facendo uscire in pochi anni The Covert Operations(un map pack), Red Alert, Tiberian Sun e via dicendo. Lo schema prevedeva due linee di narrazione, una che agiva come una sorta di prequel (Red Alert) in grado di spiegarci cosa avvenne prima del Tiberium. Command & Conquer vide anche un passaggio a vuoto nel 2002 con Renegade (accolto male, nonostante avesse del potenziale) che è un FPS nel mondo di C&C.

Caratteristiche

command & conquerLe peculiarità di Command&Conquer sono molteplici ma quella più particolare sono sicuramente le sequenze filmate. In quel periodo la maggior parte dei giochi introduceva le missioni con delle brevissime sequenze renderizzate col motore in game oppure con serie di immagini. I motivi di tali scelte erano molteplici, in primis la restrizione dovuta al fatto che nei CD lo spazio non è tantissimo. Command & Conquer aveva delle intere sequenze filmate che divennero quasi di culto, nonostante fossero realizzate in modo amatoriale(inizialmente). Successivamente si raggiunse un taglio cinematografico, coinvolgendo attori di peso.

Fino al 2002

Fino a qui, a grandi linee, tutto procede bene anche se dei titoli pensati in questi anni non vedranno mail la luce (mi riferisco a Continuum e Renegade 2). Nel 2003 la EA acquisisce la Westwood Studios decidendo di liquidarla poco dopo, per farne confluire gli sviluppatori in EA Los Angeles (al tempo mi pare si chiamasse Pacific). Molti dei programmatori storici lasciarono la EA, fondando la Petroglyph (perdendo però il franchise di C&C).

Arriva Generals

Fuori luogo e facilmente dimenticabile. La formula classica fu modificata in un modo che piacque poco, oltretutto venne inserita una grafica 3D non al passo con la concorrenza. Fu l’inizio della fine. L’intero modo di concepire la serie pareva essere indirizzato verso un sistema diverso, un qualcosa che non piacque molto ai giocatori.

C&C 3 e RA 3

command & conquerLa serie si sposta velocemente verso C&C 3, ultimo capitolo della serie degno di nota e un pò una sorpresa, considerato che arrivò dopo Generals. Vennero introdotte alcune unità interessanti ma si notò da subito una mancanza di attenzione per alcuni elementi base di gameplay. La difficoltà del single player rasentava la stupidità e molte missioni erano realizzate senza prestare attenzione al bilanciamento. Il successivo Red Alert 3 dimostrò che la fine del franchise era, purtroppo, molto vicina. RA 3 uscì completamente dagli schemi della Westowood creando uno strategico poco divertente e con delle idee che male si sposavano con la serie storica. La brutta notizia e che il peggio doveva ancora arrivare.

Tiberian Twilight

La community rimase attiva fino a C&C 3, organizzando un buon numero di tornei multiplayer con alcuni streamers a promuovere e commentare le competizioni. Tiberian Twilight si sposta completamente verso al multiplayer con l’aggravante di semplificare troppo il gameplay di uno strategico, rendendolo sterile. Guardando Tiberian Twilight con il senno del poi, si nota come la EA si stia avvicinando sempre di più alle piattaforme mobili e tenda sempre di più a semplificare. Con questo ultimo capitolo RTS, secondo me il peggiore di tutti, anche i giocatori stessi persero interesse nel franchise.

La EA prosegue

L’ultimo, tristissimo, capitolo fu Command and Conquer alliance. Un browser game senza senso di esistere, con la stessa ambientazione di C&C ma senza tutte le parti belle. Ovviamente un pay to win, ovviamente senza il minimo senso strategico. Un modo per fare soldi con un nome famoso. L’accoglienza fu terribile, così come le critiche alla EA.

E3 2018, C&C Rivals

Durante la conferenza E3 del 2018, la EA decide che è giunto il momento di riesumare il corpo di C&C. Per riportarlo in vita? Ma no, in realtà era per accanirsi sul cadavere e vedere se si può ancora fare qualche soldo. L’annuncio di Rivals non ha fatto altro che prendere in giro i fan, che si sono visti tramutare un franchise storico in un gioco per mobile. Un gioco che oltretutto pare caratterizzato da forti tinte pay to win. Avete visto il trailer prima.

Alternative

command & conquerLe speranze che venga resa giustizia a C&C sono praticamente nulle, fino a quando il franchise rimane in mano alla EA. La Petroglyph ha sfornato qualcosa di interessante ma purtroppo non può riutilizzare il franchise. Pertanto vi voglio introdurre, anche se molti fan lo conosceranno già, a OpenRA.
OpenRA è un progetto portato avanti da veri appassionati che si prefigge di ricostruire e ribilanciare i giochi vecchi della serie Command & Conquer in modo che sia possibile fruirne sui moderni sistemi operativi. Il download è gratuito e vi consiglio vivamente di provare il gioco, se qualcuno di voi se ne intende si può anche dare una mano agli sviluppatori. Di seguito trovate il link per il sito.

http://www.openra.net/

Il vostro assaggio di Command & Conquer, quello vero, lo avrete da OpenRA e sicuramente non da Rivals.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.