demon gaze II PS Vita, PS4, Recensione

Demon Gaze II – Recensione


Experience Inc., Kadokawa

Sviluppatore

NIS

Publisher

Gioco di ruolo, dungeon crawler

Genere

Il secondo episodio di Demon Gaze – guardacaso intitolato Demon Gaze II – sbarca su PlayStation 4, offrendo la sua sana dose di labirinti in stile dungeon crawler.

UNA NARRAZIONE PIU’ CORPOSA

A differenza del primo episodio apparso in esclusiva su PlayStation Vita, Demon Gaze II cerca di aggiustare il tiro proponendo una narrazione più esaustiva e stimolante. Nei panni del solito eroe anonimo – con la possibilità di scegliere sesso, classe ed avatar – con immancabili problemi di amnesia verremmo a scoprire passo per passo la lore del gioco. Semplificando potremmo dire che si suddivide in una costante ricerca dei propri poteri (infatti il nostro eroe avrà come dono la possibilità di domare i demoni), di strambi NPC e dei soliti cattivoni intenti a fermarci. Sebbene le premesse non facciano gridare al miracolo in termini puramente narrativi, c’è da evidenziare una certa cura nei dialoghi e nelle situazioni proposte durante l’avventura. demon gaze IICapaci da sé a mantenere il giusto interesse fino all’epilogo, non esente da qualche colpo di scena…

SEMPLICISTICO

Il comparto tecnico del lavoro di Experience Inc si attesta su livelli oscillanti tra il blando e il gradevole. I ritratti in stile anime sono simpatici e arricchiti da palette brillanti efficaci. Purtroppo però le esigue animazioni durante le battaglie o gli scarni scenari dei labirinti appaiono davvero troppo poveri per essere anche solo lontanamente veramente interessanti. Per fortuna il tutto appare abbastanza veloce e scorrevole per i fini della giocabilità stessa. Anche se purtroppo ciò non toglierà la sgraditissima sensazione di giocare ad un titolo mobile sulla nostra televisione (magari iper-tamarra con 4K e 70 pollici).
Altro discorso invece per le musiche, seppur non memorabili, rappresentano sostanzialmente uno degli aspetti migliori del prodotto. Temi jazz e musica noir anni 50/60 si fondono per regalare una soundtrack spensierata ed efficace, in puro stile giapponese.

DUNGEON CRAWLER

L’anima di Demon Gaze II risiede nelle sue meccaniche di gioco. Espandendo il concetto del primo episodio, gli sviluppatori hanno realizzato un solido dungeon crawler dove saremo chiamati a perlustrare i vari quartieri del gioco (che ovviamente demon gaze IIfungono da canonici labirinti), collezionare ed evolvere demoni di fattezze femminili, craftare armi, oggetti ed abilità speciali. I combattimenti si svolgono nei consueti turni “alla giapponese”.

L’intera avventura è come per tradizione incentrata sulla prima persona e le varie location garantiscono un rudimentale ma non eccessivo backtracking. Infatti a volte saremo chiamati ad esplorare zone già vinte per affrontare side-quest, nuovi boss oppure per trovare qualche tesoro raro.
Demon Gaze II offre parecchi elementi anche al giocatore di ruolo più smaliziato, garantendo così un’esperienza tutt’altro che superficiale e condita da ore e ore di “cose da fare”. L’unico neo forse risiede nei limiti del genere stesso, ovvero una costante ripetitività e movimenti a volte fin troppo meccanici e di routine per essere davvero ludicamente divertenti. Ma è realmente più una peculiarità dei dungeon crawler che un errore di design del team Experience Inc.

Valutazione

Grafica 66%
Sonoro 77%
Giocabilità 80%
Carisma 71%
Longevità 80%
Final Thoughts

Senza girarci troppo attorno possiamo affermare che Demon Gaze II è un valido esponente del genere. Se siete appassionati di dungeon crawler dallo stampo prettamente nipponico, non potrete far a meno di apprezzare la fatica di Experience Inc. . Le meccaniche di gioco funzionano abbastanza bene nel garantire un tasso di assuefazione non indifferente. Tra personaggi da evolvere e labirinti da esplorare avrete di che divertirvi per parecchie ore, anche senza evidenti picchi di qualità sul versante prettamente tecnico.

Overall Score 74%
Readers Rating
0 votes
0

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.