Gran Turismo™SPORT PS4, Recensione

Gran Turismo Sport – Recensione


Polyphony

Sviluppatore

Sony

Publisher

Guida

Genere

Tornano a ruggire i motori della saga motoristica di Yamauchi, in un nuovo inizio dedicato agli eSport : pensionamento delle modalità offline, rinnovo grafico ma le magagne sulla giocabilità restano.

MECANOFILIA

Appena si avvia Gran Turismo Sport è innegabile l’attrazione che suscita agli occhi dell’utentGran Turismo™SPORTe la ricercatezza di musiche, suoni e grafica. Entrare nel solo menù della fatica di Yamauchi fa subito capire di trovarci di fronte ad un amore sconfinato verso le quattro ruote. E poco importa che il menù appaia un po’ confusionario e spoglio, Gran Turismo Sport trasuda di passione, tanto che gli sviluppatori hanno inserito una modalità fotografia per immortalare il proprio  bolide preferito in varie bellezze del globo. Il tutto forse apparirà fin troppo esasperato, ma ammettiamo che ci siamo divertiti nell’usare questo semplice ma completo tool per condividere i nostri screenshot migliori.
Interessantissima anche la modalità museo, dove leggere la storia e gli aneddoti dei marchi automobilistici presenti nel gioco.

Peccato che lo stesso amore e la stessa cura vengano traditi giunti con il volante in mano. I modelli delle macchine sono assolutamente impeccabili, riproponendo in scala 1:1 le loro reali dimensioni, senza sbavature. Così come gli effetti luce, impressionanti e capaci di far andare a pari passo realismo e bellezza scenografica. Peccato che questo buon lavoro venga sminuito dalla realizzazione delle piste che ad essere buoni sembrano uscite dalla scorsa generazione. Persone ed oggetti vari contano modelli poligonali totalmente abbozzati, capace di rovinare da soli la magia di quello che funziona. Oltre alla scarsa cura con cui sono state realizzate, mancano anche del tutto gli effetti atmosferici, rendendo la varietà delle gare assai limitata e poco stimolante. Poca roba anche riguardo ai danni delle auto, ancora una volta semplicemente abbozzati e del tutto trascurabili.

IN PISTA

Se il comparto tecnico altalenante non è il migliore dei biglietti da visita del nuovo racing targato Polyphony, purtroppo la Gran Turismo™SPORTsituazione non cambia molto sul versante della giocabilità. Gran Turismo Sport affina poco o nulla dai suoi predecessori. Ritroviamo ancora una volta quel “the real driving simulator” pieno di magagne per quanto riguarda fisica e comandi. Certamente Gran Turismo è sempre un titolo divertente, ma è innegabile che sia rimasto indietro rispetto ai suoi rivali Assetto Corsa e Forza Motorsport. Fermo alla tradizione come solo i giapponesi a volte si ostinano a fare, Gran Turismo Sport ripropone le medesime situazioni che hanno fatto più volte storcere il naso ai puristi del genere – e con un joypad tutto risulta ancora peggiore. Infatti, se volete davvero giocare in modo “serio” e duraturo, vi consigliamo un buon volante: sterzare e fare finezze di ogni genere diventa davvero problematico con il semplice Dual Shock.
Tra “sportellate”, strade “accorciate” con i fuori pista e incidenti che sembrano mimare due carrelli della spesa che cozzano tra di loro, Gran Turismo Sport mostra gli anni sul groppone di una giocabilità che andrebbe maggiormente rifinita. Tuttavia è anche bene evidenziare che una minore austerità sul versante simulativo – al netto del nome che porta – rende il tutto più fruibile ai neofiti del genere, mantenendo così quella sua maggiore immediatezza.

GARE OFFLINE

Una cosa che rese celebre i primi due Gran Turismo sulla prima Play Station fu la celeberrima carriera. Tale modalità dava al giocare una sensazione di progresso e soddisfazione capace di incollarlo per ore e ore nel tentativo di collezionare trofei e auto per il suo garage. Sfortunatamente Gran Turismo Sport vanta una modalità carriera appena abbozzata, dove è possibile Gran Turismo™SPORTcompetere in qualche gara singola (quindi niente tornei) nella modalità Arcade. Viene qui invece arricchita la “scuola guida”, dove ogni singolo esame ci aiuterà a comprendere meglio come comportarci in strada. Sarà possibile completarle ottenendo un trofeo di bronzo, argento ed oro. Inutile dire che maggiore sarà il punteggio e maggiore saranno i crediti guadagnati. Crediti che andranno spesi per comprare nuove auto ed effettuare modifiche al motore. Sarà anche possibile ottenere punti esperienza nuovi per sbloccare percorsi nelle modalità arcade e nuove macchine. Il tutto però è davvero insufficiente . La mancanza di tornei ed eventi vari rende l’esperienza fin troppo semplicistica, tanto che in una decina di ore molto probabilmente avrete  ottenuto tutto quello che il gioco ha da offrirvi a modem spento.
Altra nota dolente è l’impossibilità di giocare le modalità offline senza una connessione accesa. In questo caso non potrete né salvare, né conseguire tutte le prove a disposizione. Una politica davvero assurda per chi magari vorrebbe comprarlo solo per giocare nel tempo perso.

GARE ONLINE

Gran Turismo™SPORTQuesto è il fulcro dell’intero prodotto. Inutile girarci attorno: Gran Turismo Sport è esclusivamente incentrato sulle modalità online. Se avete intenzione di non dedicarvici troppo, state sbagliando gioco. Qui il titolo riesce in parte a risollevarsi, mettendo a disposizione tanti aggiornamenti (quasi settimanali) e sfide per ogni gusti, oltre a server decisamente stabili e affidabili.
Elogiabile anche lo sforzo per far entrare nel mondo online i neofiti: oltre a ricevere aiuti vari, essi potranno godere di un buon bilanciamento delle competizioni online.
Gli eSport sono ormai una realtà ed è innegabile che Gran Turismo Sport nonostante i suoi difetti possa essere un titolo più che valido per misurarsi online con altri giocatori. Quello che rimane un’incognita è se i difetti elencati precedentemente, uniti a sole 165 auto disponibili, riusciranno a tenere vivo l’interesse dei piloti virtuali. E qui che si giocherà la scommessa di Yamauchi, molto probabilmente spingerà il suo team a premere l’acceleratore su update e contenuti aggiuntivi interessanti.

Valutazione

Grafica 80%
Giocabilità 70%
Carisma 74%
Longevità 75%
Final Thoughts

Un titolo che per stessa ammissione di Yamauchi non è né il settimo capitolo, né un prologue. E in effetti la mediocrità è l'unica cosa a contraddistinguere Gran Turismo Sport, nonostante una notevole ricercatezza grafica. Troppe sono le dimenticanze e troppe le cose lasciate incompiute. Inoltre il pensionamento definitivo della modalità carriera fa perdere alla saga uno dei suoi marchi storici. Se siete fan sfegatati di Gran Turismo e non vedete l'ora di gareggiare online non vi deluderà; se siete dei puristi troverete gli stessi identici problemi che attanagliano la saga da anni.

Overall Score 76%
Readers Rating
1 votes
49

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.