Paradox Interactive rilascia nuovi dettagli sulle novità che attendono i giocatori in King Arthur II


 

Paradox Interactive ha rilasciato sul forum ufficiale il primo di una serie di articoli dedicati alle nuove feature che verranno introdotte in King Arthur II, seguito dell’apprezzato mix di strategia e gioco di ruolo espresso dal primo capitolo. Come ogni seguito degno di tal nome anche King Arthur II porterà con se tutta una serie di novità ed aggiustamenti. In questo primo appuntamento gli sviluppatori di Neocore si sono concentrati sulla Mappa della Campagna e sull’aspetto manageriale di King Arthur II.

La mappa oltre ad essere completamente in 3D includerà una zona grande il doppio rispetto a quanto visto nel primo capitolo, racchiudendo al suo interno tutta la Britannia, dalla Cornovaglia alla Scozia e permettendo ai giocatori di addentrarsi ben oltre il Vallo di Adriano nel corso delle loro esplorazioni. La formula di gioco rimane fedele a quella espressa nel primo capitolo proponendo battaglie in tempo reale e spostamenti sulla mappa di gioco a turni. Tutte le  unità, compresi gli eroi, otterranno esperienza che li permetterà di crescere ed acquisire nuove abilità. Ogni turno sulla mappa della campagna equivale ad una stagione e tutti i potenziamenti delle unità e dei nostri insediamenti possono essere compiuti esclusivamente nella stagione Invernale.Ovviamente ogni giocatore potrà decidere in che direzione sviluppare le proprie armate ed eroi scegliendo liberamente all’interno del catalogo delle abilità disponibili. King Arthur II introdurrà tre nuove classi degli eroi: Campioni, Warlords e Saggi. Ogni eroe avrà due alberi di abilità, uno derivante dalla propria classe ed un altro dipendente dall’eroe stesso ed unico. Non mancheranno neppure nuovi mostri e la possibilità per il nostro eroe di sposare la lady che preferisce, scelta da non prendere alla leggera, visto che in base alla lady che sposeremo il nostro eroe potrà ottenere anche degli svantaggi.

In attesa di nuove info, vi salutiamo e vi rimandiamo al post originale accessibile dal link all’inizio dell’articolo per maggiori dettagli.

 

 

 

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.