riskers PC, Recensione

Riskers – Recensione – Quando GTA 2 sogna di incontrare Hotline Miami ma poi si sveglia


ShotX Studio

Sviluppatore

Meridian4

Publisher

Azione, 2D

Genere

Riskers è un gioco in 2D con visuale dall’alto (come GTA 1/2 o Hotline Miami) che cerca di creare la giusta miscela tra i due giochi appena citati. L’idea è decisamente valida, si alternano fasi in cui dobbiamo muoverci nella città con altre in cui dobbiamo ripulire dei posti chiusi con le armi a nostra disposizione. Vediamo il trailer:

La storia di Risker è molto banale e lineare. Veniamo messi nei panni malandati di Rick Paradis, ex criminale che sta cercando di rimettersi sulla buona strada tramite un lavoro onesto. Trovato un impiego come addetto ai rifiuti, Rick passa le giornate a salire e scendere dai camion della nettezza urbana per caricare i sacchi pieni di immondizia. Un giorno trova una valigia. La apre e scopre che è piena di soldi, decide così di tenerla con se dando nuovamente il via ad una montagna di guai.

Gameplay

riskersL’idea alla base di Riskers è molto buona. L’integrazione di un GTA vecchio stile con delle sezioni di combattimento al chiuso come Hotline Miami avrebbe potuto fare faville, estendendo l’area di gioco agli edifici. Chiunque abbia provato uno di questi giochi può sicuramente vedere con favore il mix tra i due stili. Riskers mantiene sempre la visuale dall’alto e ci permette di girovagare per la città. Il nostro personaggio può tirare pugni e utilizzare armi che ha trovato precedentemente, facendo danni senza motivo. Il gioco ci catapulta immediatamente nel filone della trama principale, facendoci alternare percorsi in auto a livelli in cui si devono uccidere tutti i nemici in un edificio. Fatta la strage, via di nuovo in macchina. Le sezioni di guida sono realizzate in modo approssimativo, in alcuni casi riuscire rapidamente a completare una delle gare è quasi solo questione di fortuna. Pronti, partenza e via! I tre avversari si schiantano e si può procedere in modo moderatamente tranquillo verso il traguardo. Dico moderatamente perchè le auto dell’IA sono palesemente truccate, possono recuperare i metri perduti, per via di un incidente, in tempo rapidissimo (velocizzandosi fino a riprendere contatto). Le fasi al chiuso sono molto impegnative, nonostante ci sia un checkpoint in quasi ogni livello. In partenza siamo sempre armati di una mazza da baseball e ci viene sempre fornito un nemico molto distratto a cui rubare l’arma. Una volta fatto, possiamo aggredire con più cattiveria. L’IA dei nemici è molto semplice, sente uno sparo e corre verso quel posto. In caso abbiate un’arma automatica ed una porta a disposizione, potete fare dei disastri.

IA

riskersL’IA dei nemici ha bisogno di una revisione. Dopo aver affrontato le prime missioni sarà facile capire il punto debole di tutti, ovvero la tendenza a fare una sorta di zerg rush verso il luogo degli spari. Dalla seconda missione in avanti la tattica sarà quella di prendere un’arma automatica (AK for best result)e sparare un colpo per attirare più nemici possibile. La prima porta che sta tra noi e loro sarà il luogo prescelto per la carneficina. I nemici sono in grado di ingaggiare solamente da una certa distanza, una volta capito quale basterà tenersi appena fuori dal loro raggio. Tenete sempre presente che se un nemico riesce a sparare, nel 90% dei casi siete carne morta.

Atmosfera

L’elemento principale che manca a Riskers è l’atmosfera che riusciva a creare GTA. La città sembra vuota, troppo monotona e apatica. Un sistema di gang non esiste, privando il gioco di tante sfaccettature e possibilità. Gli stessi autoveicoli sono molto simili sia esteticamente che come guida. Non c’è un indicatore che ci mostra quanto siamo ricercati, facendo un pò di danni inizieranno ad arrivare poliziotti dal nulla con cui difficilmente si viene a creare un inseguimento. Appaiono e sparano, basta. Possiamo trovare delle gare da fare e alcuni altri passatempo che però difficilmente riusciremo a gradire.

Grafica e sonoro

riskersLa grafica di riskers non è malaccio anche se molto monotona. I colori sono la parte riuscita meglio dato che fanno molto effetto neon. Il design generale va benissimo con quello che deve essere lo scopo del gioco, sia in città che nelle parti esterne. Volendo ci si può lamentare di alcuni oggetti che vengono ripetuti in mille posti, facendo sembrare tutto sempre troppo simile. La colonna sonora fa il verso ad Hotline Miami, rimanendo comunque molto distante. Fa comunque piacere come con due note si sia riuscito a creare un accompagnamento molto migliore di altri più elaborati e complessi.

Valutazione Finale

grafica 73%
sonoro 70%
giocabilità 68%
carisma 55%
longevità 55%
Final Thoughts

Riskers rimane una buona idea non tradotta in fatti. Il lato positivo e che il gioco potrà ancora ricevere aggiornamenti e magari correggere parte delle sue lacune. Il lato negativo e che ci si stufa ben presto di troppe cose, rischiando di dimenticare troppo in fretta l'esistenza di questo gioco.

Overall Score 64%

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.