rpg maker fes 3DS, Recensione

RPG Maker FES – Recensione – Quando il fai da te fa fetecchia


Kadokawa Games

Sviluppatore

NIS

Publisher

Tool

Genere

RPG Maker per la prima volta arriva finalmente anche da noi su una console… purtroppo però arriva con la sua incarnazione peggiore. RPG Maker FES recensito per voi.

DA GRANDE VOGLIO FARE IL GAME DESIGNER

RPG Maker è molto probabilmente uno dei tool più popolari e utilizzati del globo. Nonostante sia prettamrpg maker fesente conosciuto per le sue edizione per PC, ha anche un vasto catalogo di release per le più svariate console (Game Boy, SNES, PSX, Nintendo DS eccetera). Come da titolo si tratta di un programma che permette di creare – senza nessuna conoscenza informatica – il proprio JRPG dei sogni, in modo intuito e veloce.
Alla buon ora giunge una versione per console anche in Europa e fortunatamente localizzata in italiano. RPG Maker FES rappresenta l’occasione più ghiotta dei possessori del Nintendo 3DS per colmare la propria sete di creatività e improvvisarsi game designer. Tuttavia, non tutto è oro e quello che luccica…

CONFUSIONARIO E SCOMODO

Il primo limite di RPG Maker FES è la sua impostazione. Se è vero che si tratta di un programma – e quindi non necessita di tutorial troppo invasivi – va anche detto che il tutto risulterà subito ostico per i neofiti, i quali si ritroveranno ad aprire e chiudere decine di finestre godendo solo di avari consigli visualizzati sullo schermo superiore del 3DS. Inoltre l’uso del touch screen appare limitato e scrpg maker fesomodo. Spesso per operazioni anche semplici sarà necessario aprire nuove finestre, mentre sarebbe bastato disporre le varie opzioni di maggiori bottoni sulla stessa videata, senza creare così quel fastidioso loop fatto di “apri finestra-chiudi finestra -riapri finestra”.
Ma se per il neofita tutto ciò appare estremamente ermetico, per l’utente navigato e conoscitore delle versioni PC la cosa potrebbe addirittura apparire peggiore, visto che si troverà di fronte ad un tool estremamente confusionario, poco pratico e limitato; lontano anni luce dall’impostazione drag and drop che ha imparato a conoscere negli anni.
Il senso di frustrazione poi viene esasperato dalla totale assenza di una qualsivoglia agevolazione. Se nelle ultime versioni principali di RPG Maker è possibile usufruire di mappe randomizzate e un database calibrato in default, qui questi strumenti vengono a mancare. Scelta davvero incomprensibile considerando che la creazione del mapping non è proprio la cosa più comoda del mondo. Cambiare strumenti appare difficoltoso per le solite infinite finestre da chiudere e aprire, inoltre manca una lente utile per espandere o ridimensionare la tela: un vero fardello.
La prima sensazione che si avrà usando RPG Maker FES dopo qualche oretta è quella di perdere un sacco di tempo anche nello sviluppare le cose più semplici. E in effetti curiosamente è proprio così; l’uso in mobilità garantito dalla handheld Nintendo doveva spronare gli sviluppatori a creare un prodotto che, per ovvi motivi meno, fosse meno complesso della sua controparte rpg maker fesPC, ma in grado di essere più veloce e user friendly, accorciando i tempi di sviluppo. Purtroppo questo non succede e appare indigesto sia per chi vuole avvicinarsi a questo mondo, sia per chi più smaliziato magari pensava di trovare uno svago mordi e fuggi sul proprio 3DS.

LIMITATO

Come traspare dagli screenshot, RPG Maker FES utilizza per l’ennesima volta asset grafici riciclati dalla versione VX, aggiungendo semplicemente qualche variazione. Purtroppo non è l’unico problema riguardante le risorse, anzi, forse tra tutti è quello più accettabile. Infatti il programma dispone di una quantità veramente esigua di sprites per personaggi, ambienti e mostri. Diciamo che per la non proprio conveniente cifra di 40 Euro ci si sarebbe aspettato qualcosa di maggiormente corposo. Inoltre comprando tutti i DLC il gioco arriva a costare notevolmente di più dell’ultima versione ufficiale di RPG Maker per PC, ovvero il MV, cosa che di per se farebbe ridere se non fosse tragica.
Altro flagello del pacchetto è la totale impossibilità di creare da sé i propri sprites. Scelta incomprensibile, visto che in passato versioni come ad esempio quella PSX permettevano un rudimentale, ma accettabile, pixel editor.
rpg maker fesInutile dire che sul versante sonoro ci troviamo più o meno nella stessa situazioni, con musiche ed effetti ambientali sì carini, ma ancora estremamente limitati e poco adatti per dare il giusto pathos alla propria scenografia.
Il maggior problema di avere così poche risorse a disposizione per un programma del genere è quello di trovarsi velocemente una serie di giochi tutti uguali e poco carismatici; tipo come le fetecchie che imperversano su Steam realizzati con i fratelli maggiori di RPG Maker. Tuttavia in quell’occasione non è colpa del programma ma bensì della poca creatività degli sviluppatori. Mentre qui ci troviamo di fronte ad un vero e proprio limite logistico imposto che rischia di smorzare la vena creativa di chiunque abbia un’idea un po’ più originale oltre i cliché imposti dai mediocri asset a disposizione.

VALE LA PENA?

rpg maker fesChiunque fosse abbastanza temerario da concludere la propria avventura servendosi di RPG Maker FES potrà caricarla online, scegliendo varie etichette descrittive e una piccola introduzione. Il servizio funziona bene ed è forse la parte più interessante di tutta la produzione. Purtroppo per ora ci sono solo un sacco di titoli che definire allo stato di beta sarebbe un eufemismo. In ogni caso non è detto che con il tempo la situazione possa migliorare.
In quel caso potrebbe diventare un buon investimento per giocare qualche RPG gratuito senza troppe pretese. Per la cronaca va detto che la maggior parte dei progetti con un minimo di qualità sono in lingua giapponese. Ci sono anche delle prove italiane, di cui qualcuna promettente, ma vista la difficoltà di sviluppo del tool potrebbero passare anche mesi prima di vedere la release completa.
Valutando solo i presupposti, RPG Maker FES potrebbe essere un titolo potenzialmente infinito. Tuttavia prima dell’acquisto vanno ponderati i suoi limiti nelle meccaniche dell’editor, sia su come queste possano influire negativamente sullo sviluppo del proprio progetto, sia su quello altrui, non riuscendo così a scongiurare il probabile destino di vedere la community desertificata tra qualche mese.

Valutazione

Grafica 41%
Sonoro 53%
Giocabilità 52%
Carisma 55%
Longevità 75%
Final Thoughts

L'idea di creare il proprio JRPG sulla console portatile Nintendo rimane un'idea suggestiva, tuttavia troppe magagne e limiti tecnici affliggono l'editor di Kadokawa, tanto da risultare troppo frustrante per chi è abituato ai tool per PC, quanto poco intuitivo per i neofiti. Inoltre lo scarno numero degli asset e la loro deprecabile qualità condannano RPG Maker FES ad essere un prodotto scadente e facilmente dimenticabile.

Overall Score 55%
Readers Rating
0 votes
0

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.