valkyrie drive -bhikkhuni- PC, Recensione

Valkyrie Drive -Bhikkhuni- Recensione


Meteorise

Sviluppatore

Marvelous

Publisher

Azione, hack and slash

Genere

La foca non è mai abbastanza per i videogiocatori e i fresconi di Marvelous lo sanno bene: lieti di allinearci a questo trend, ci troviamo a recensire l’ultima uscita della casa giapponese dal titolo Valkyrie Drive -Bhikkhuni- , porting PC del titolo inizialmente uscito per PS Vita. Iniziamo ordunque questo trip tra duelli e tette con il canonico video:

Pandemia portami via

Valkyrie Drive -Bhikkhuni- prende il via con un incipit di stampo medicale: peggio dell’influenza prenatalizia, l’epidemia di un misterioso virus sta colpendo giovani ragazze causando bizzarri effetti come il conferimento di strane abilità combattive stile X-Men e la trasformazione in armi tipo Soul Eater. Per evitare che questi sintomi causino distruzione e fastidio, le autorità sono alla ricerca di cure, le quali vengono sviluppate con – apparente – successo su isole di difficile accesso, dove le “infettive” più pericolose vengono portate.

Sorvolando sulla presenza o meno di filo logico in questo spunto di trama, seguiremo le vicende delle gemelle Rinka e Ranka, vittime di un particolare ceppo del virus che vengono mandate sull’isola di Bhikkhuni, famosa per i successi nel trovare la cura e per avere delle lettere “H” messe a cazzo nel proprio nome. Tra peripezie burocratiche e non, le due gemelle dovranno farsi strada a suon di mazzate tra lo staff robotico dell’isola e varie altre ospiti non esattamente amichevoli, nella speranza di trovare valkyrie drive -bhikkhuni-un modo per guarire o almeno per controllare i loro spettacolari quanto pericolosi neo-acquisiti poteri.

Credeteci o meno, la trama è veramente questa. Abbiamo controllato anche su Steam e su altri siti di recensioni.

Daglie de tacco, daglie de punta

Chiunque avrà giocato anche di striscio un Senran Kagura si troverà a dir poco a suo agio in Valkyrie Drive -Bhikkhuni-.

La modalità base è lo story mode, fondamentale per capire il prosieguo di cotanto delirio di storia. Tale modalità ci vedrà impegnati nell’affrontare vari livelli – con i primi a fare da tutorial – in cui dovremo sostanzialmente prendere a mazzate sul coppino tutto quello che ci troveremo davanti. Prima e dopo ciascuna sequenza d’azione, avremo delle scenette introduttive chiacchierate tra le protagoniste e le antagoniste del caso, il tutto utile ad addentrarci ancor di più nella follia della trama e dei personaggi che la portano avanti. Il tutto è parecchio farlocco, ma inspiegabilmente piacevole da leggere/ascoltare.

Torniamo comunque all’azione in sé: che si controlli da pad o da tastiera (WASD+mouse, purtroppo non rimane una mano libera per le pippe), avremo sostanzialmente due tasti base per menare e da alternare per innescare combo di genere. Si butti anche nel mix l’uso del salto (con due funzioni) e di un terzo tasto per attacchi “a spintone” per un risultato finale molto più tecnico di quanto si possa pensare, senza andare però a scapito della velocità. Superati i primi livelli di “riscaldamento”, vedremo come il grosso degli stage ci vedrà mandare in campo due eroine, una da controllare in maniera standard e l’altra che potrà essere chiamata in supporto – trasformandosi in arma – al riempimento di una barra apposita…il tutto, ovviamente, valkyrie drive -bhikkhuni-introdotto da una scena INTERESSANTE.

Restando in tema di cose INTERESSANTI, non manca ovviamente la possibilità di personalizzare l’outfit delle nostre eroine in una modalità apposita, per la gioia di chi ama abbigliare e soprattutto disabbigliare persone. Inutile a dirsi che sarà possibile anche attivare un bel tot di scene extra e interazioni tra le varie protagoniste, senza dimenticare che ad ogni incremento di affinità – oltre ad attivare altre visioni INTERESSANTI – le coppie “affini” che manderemo in combattimento avranno anche un performance migliore.

A prescindere dagli elementi ammiccanti (introdurre un droide strizza-zizze già al secondo livello è una chicca da non poco), bisogna dire senza troppi giri di parole che Valkyrie Drive -Bhikkhuni- è veramente un buon titolo. Volutamente farlocco e imbarazzante, più ammiccante come un Senran Kagura che ironico come un Neptunia, è una fiera di mazzate più che interessante che si rivela capace di offrire un ottimo pane a tutti gli appassionati delle mazzate tridimensionali. Il ritmo è veloce, i comandi rispondono bene e si picchia che è un piacere. I vari extra riescono a mantenere la longevità su di un buon livello per il genere, e a 360° si nota come il gioco riesca proprio a “funzionare bene” nel suo insieme. In toto dunque, Valkyrie Drive -Bhikkuni- segna un valido punto di partenza per un nuovo franchise (già crossmediale, con un valkyrie drive -bhikkhuni-anime già uscito da tempo)…e poi ci sono anche le scene di stracciamento vestiti, che altro volete?

Le solite note tecniche

Chiudiamo come di consueto con qualche nota tecnica. Graficamente, Valkyrie Drive -Bhikkhuni- si pone su di un livello più che discreto. Anche senza richiedere un hardware particolarmente “da gara”, il gioco gira che è un piacere senza rallentamenti o inceppamenti di sorta, anche nei momenti in cui lo schermo è più affollato.

Il comparto sonoro si rivela anch’esso soddisfacente. Il doppiaggio giapponese è acuto e fomentato nei toni come ci si aspetta, mentre le musiche e gli effetti sonori fanno il loro lavoro senza ledere i timpani dell’utenza. Il tutto riesce a trasudare “leggerezza” e truzzagine, ponendosi come il giusto accompagnamento per un titolo che fa di queste caratteristiche i suoi punti di forza.

Il sistema di controllo è molto reattivo e funzionale, riuscendo a fare il suo bravo dovere persino da tastiera – lì forse ci sarebbe qualcosa da rivedere sul mapping di default dei tasti, ma alla fine sono gusti.

 

Valutazione

Grafica 84%
Sonoro 79%
Giocabilità 85%
Carisma 99%
Longevità 81%
Final Thoughts

Valkyrie Drive -Bhikkuni- è l'ennesimo caso di buon gioco "travestito" da porno soft. A prescindere dal fanservice sopraffino, si rivela un buon action/picchiaduro impegnativo e divertente, tecnico quanto basta e capace di intrattenere a dovere grazie ai vari extra disponibili.

Overall Score 85%
Readers Rating
0 votes
0

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.