abduction bit PC, Recensione

Abduction Bit – Recensione


SEEP

Sviluppatore

SEEP

Publisher

Platform

Genere

Non è mai facile recensire i giochi degli amici: si rischia sempre o di fare un marchettone o di finire per essere eliminati dalla lista degli auguri delle feste e inseriti in quella dei vaffakitemmuort alla velocità con cui si svuota un portafogli durante i saldi di Steam. Noncuranti di cotanto rischio, ci accingiamo con somma letizia a recensire Abduction Bit, nuovo retro – anzi, retrissimo – titolo firmato dal dinamico duo SEEP disponibile su PC via Steam. Evviacoltrailer:

Adducendo bit

Partiamo subito diretti al punto introducendo in cosa consiste questo gioco: in Abduction Bit vestiremo gli aderenti panni di un alieno – un grigio e un rettiliano – intento a fare ciò che riesce meglio agli alieni, ovverossia rapire persone a caso per concedere loro trattamenti analmente invasivi non proprio richiesti. Fortunatamente il gioco non si dedica a queabduction bitsta seconda fase del sequestro alieno (forse in un dlc…), ma solo su quella di rapimento propriamente detto. Il tutto ci viene offerto con un look da sala giochi degli albori, con musica prossima allo zero, effetti memori dell’Atari e attacchi di rabbia da partita dell’Inter. Ma andiamo ad approfondire il gameplay.

Adducendo gameplay

La meccanica di gioco di Abduction Bit è molto semplice in teoria: in livelli monoschermata, saremo chiamati a controllare il nostro alieno nel tentativo di rapire il più terrestri possibile. Per fare ciò, ci basterà sparare al poveraccio di turno con una pistola paralizzante – il cui effetto dura qualche secondo – per poi toccarlo e inviarlo alla nave madre per subire cose indicibili. Escluse le vittime standard – principalmente operai e altri sfigati – non saranno armati, mentre agenti di sicurezza e militari di genere potranno prendervi a pistolettate in men che non si dica, senza dimenticare che per farvi perdere una vita sarà sufficiente il tocco di qualsiasi personaggio o elemento scenico pericoloso (fuoco, spuntoni, etc.). Una volta rapiti tutti i terrestri di un livello, si passerà a quello successivo e bon – salvo alcuni in cui appariraranno altri “sequestrabili” extra dopo il rapimento dell’ultimo.

Come potete capire, Abduction Bit fa della semplicità vecchio stile il suo forte, offrendo al contempo un grado di sfida più che soddisfacente. Fatta esclusione per i primi livelli, utili a familiarizzare con i controlli e con l’ambiente, il gioco riesce a mettere alla prova i giocatori amanti del retrò con un design interessante e uno stile di gioco che racchiude in pieno quanto accadeva abduction bitsugli schermi arcade di un tempo. Il fattore retrò è tenuto forte anche dalla gestione dei controlli – i quali, consapevolmente, contribuiscono a tenere sempre alto il fattore RAGE grazie al modo di funzionamento dell’arma degli alieni e alla gestione dei salti.

A conti fatti – in tutti i sensi, ottimo il cartellino del prezzo a 0,99 euro – Abduction Bit è un prodotto che si fa foriero con onore e fierezza del fomento degli albori del mondo videoludico: gameplay semplice ma impegnativo, pochi fronzoli e tanta pratica necessaria a eccellere…e la possibilità di venire investiti da una Panda quando meno ce li si aspetti.

A rendere il tutto ancora più interessante vi è il supporto del team di sviluppo, che arricchirà il gioco con dlc gratuiti vari – featuring nuovi livelli e un pack grafico a 16-bit.

Adducendo comparto tecnico

abduction bitSotto il profilo tecnico, Abduction Bit se la cava in maniera discreta. Il feeling generale di “oggetto d’epoca” c’è in pieno: l’assenza di musica durante i livelli e lo stile degli effetti sonori sono più che efficaci nel riprodurre l’effetto vintage voluto dagli sviluppatori. La grafica è anch’essa in linea con l’audio: essenziale, squadrata quanto basta (e a fondo nero!).

Sul sistema di controllo ci siamo già espressi: funziona bene per un prodotto degli anni ’80 trasportato al giorno d’oggi. In aggiunta, segnaliamo con piacere che il gioco si rivela molto stabile e incredibilmente leggero, capace di girare anche sui minipc più ignoranti attualmente disponibili in commercio.

 

Grafica 73%
Sonoro 73%
Giocabilità 70%
Carisma 84%
Longevità 75%
Final Thoughts

Alla vertiginosa cifra di 0,99 centesimi (se date un euro vi danno anche il cent di resto), Abduction Bit è un piacevolissimo trip nel passato che di sicuro farà la gioia dei giocatori più agé grazie a un'ottima resa della piacevole follia degli albori videoludici.

Overall Score 75%
Readers Rating
4 votes
79

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.