Addio (di nuovo), Larry? Lo scandalo Replay Games lascia senza parole


Dobbiamo nuovamente dire addio a Larry Laffer, protagonista delle avventure “allegre” della serie Leisure Suit Larry, da poco ripresa dal creatore Al Lowe ed arricchita di una grafica da cartoon con ottimi risultati finali. Eppure proprio tale successo faceva bene sperare in una risistemazione / modernizzazione degli altri storici capitoli della serie, che diamine è successo perchè tutto finisse?
La situazione è assai più complicata e fumosa di quanto non si possa lontanamente immaginare. Tutto parte quando, qualche giorno fa, proprio l’inventore della serie Al Lowe decide di lasciare la casa Replay Games, ritornando al pensionamento; il CEO della casa, Paul Trowe, si dice amareggiato da tale scelta, ma narra che serenamente Lowe gli ha detto che a causa dell’età avanzata non se la sente nel continuare a realizzare altri capitoli dedicati allo stempiato e goffo playboy.
La notizia comincia a circolare e così è proprio Al stesso a specificare via twittate come non vi sia nessun rapporto chiuso con simpatia: Lowe ha deciso di andarsene dallo studio, senza parlare di nessun problema di età o simili, ma spiegando che a causa di un assommarsi di fattori ha preferito lasciare perdere tutto e tornare a casa.
Burrascosamente a tutto questo si è aggiunto il cosiddetto “Trowegate”, dove il tal Paul sopra detto, già visto non molto bene dopo alcune parole poco profumate verso altri colleghi ex Sierra, si è trovato al centro di una delicata indagine che lo vede sotto accusa per avere mostrato scene hard ad una minorenne: egli si è subito difeso da tali voci, spiegando che non avesse idea dell’età della ragazza implicata, e che era suo obiettivo mostrarle che il fidanzato, più adulto, la tradisse, così come il fatto che non abbia mai parlato della cosa proprio per evitare ripercussioni sul buon lavoro fatto dallo studio insieme alla mente di Lowe ed al portafoglio di tanti bakers.
Ma è bastata qualche discussione accesa perchè i toni si alzassero pesantemente, con insulti scambiati online davvero difficili da digerire, toccando rapporti interpersonali e questioni di denaro, che hanno rovinato ancora di più la situazione: uno sfogo? Forse, ma è innegabile il come tale comportamento imperdonabile abbia dato la picconata fatale alla barca.
“Ora lo studio ha ancora i diritti per creare nuovi capitoli di Larry” spiega Lowe,”Ma li dovranno fare senza di me”.
Un vero peccato, così come un terrore per tutti i fan, considerando la natura Vanziniana dei due giochi in 3D della serie, universalmente visti come rese ciofescose.
Staremo a vedere cosa accadrà, ma le speranze sono davvero poche. Brutte storie.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.