PC, Recensione

Angry Birds Space – Recensione


Rovio

Sviluppatore

Rovio

Publisher

Casual Game, Puzzle

Genere

Spazio, ultima frontiera uccellosa. Una accozzaglia di pianeti, meteore e ghiaccio, nonché piante a forma di cipolla gigante e funghi di cristallo. Luoghi desolati ed inospitali, ma i migliori per costruire le nuove strutture del Re Porco, che inizierà così la sua opera di colonizzazione spaziale. Gli uccelli arrabbiati sono ritornati e questa volta ricchi di nuovi superpoteri, benvenuti in Angry Birds Space!

Vecchi amici e nuove conoscenze

laserspaceLa storia come sempre è assai rapida, per catapultarci velocemente nel gioco: un uccello di ghiaccio, proveniente da un canale spaziotemporale, è fuggito sulla Terra per evitare l’attacco alle proprie uova da parte di un malvagio esoscheletro fantascientifico; quando deruberà queste ultime, insieme a quelle dei nostri pennuti incacchiosi, inizierà il lungo viaggio di recupero di pianeta in pianeta, attraverso il passaggio nel tunnel spaziale, che conferirà alle nostre vecchie conoscenze piumate alcuni particolari poteri.
Rosso sarà in grado di darsi una piccola spinta con il suo verso, così come il Grosso Rosso; Blu si dividerà come sempre in tre piccoli uccelli e forse rimane il più tradizionale del gruppo insieme a Nero, che continuerà ad esplodere come una bomba;
ice-bird-angry-birds-spacepotere particolare per affrontare lo spazio profondo è quello invece conferito a Giallo, che diventa viola e permette al giocatore, una volta tiratolo, di decidere la direzione del cambio di traiettoria puntando in un tal luogo con il mouse, facendolo precipitare a tutta forza verso tale punto.
Arriva poi in supporto il nuovo amico Ice, volatile a forma di cubetto di ghiaccio che in modo leggermente simile a Nero esploderà, questa volta però causando il congelamento di tutto quello che si trova nelle vicinanze, maiali compresi.

Situazioni di una certa gravità

angry-birds-space-03-700x412La meccanica di gioco, identificabile con il classico lancio del pennuto con la fionda per distruggere tutti i maiali verdi dello schema, si arricchirà di un problema piuttosto complesso da gestire, e cioè quello della gravità, divisibile in due distinte situazioni diverse:
– Momenti a gravità zero, dove si tirerà nello spazio aperto, galleggiando nell’aria riducendo drasticamente la spinta dei nostri proiettili con il becco;
– Strutture orbitali, dove la gravità di pianetini e asteroidi sui quali poggeranno le strutture in legno e pietra farà compiere agli angry birds delle traiettorie ellittiche, spingendoli con forza gravitazionale sempre più verso il centro dei medesimi.
I livelli presenteranno spesso combinazioni di questi due elementi, o magari costringendoci a studiare incredibili curve paraboliche successive per sfruttare la spinta di gravità di pianeti vicini, sperando che non sia troppa e non faccia schizzare il nostro volatile verso lo spazio profondo. Qui giunge una delle poche pecche del titolo, ovvero la casualità: il motore fisico è eccellente, ma purtroppo l’assenza di regole gravitazionali terrestri fa sì che spesso possa capitarci di sbagliare un tiro non per un nostro errore strategico, ma per un galleggiamento sfortunato o per una traiettoria mal presa; ricordiamo poi che quando saltano via i pezzi delle costruzioni, questi poche volte si distruggeranno a terra, ma spesso si trasformeranno in scomoda “spazzatura spaziale”, galleggiando per lo scenario senza meta. In alcuni casi è però possibile sfruttare questi principi proprio per chiudere un livello con il minor numero di uccelli disponibili, spingendo i nemici a finire all’interno delle orbite dei pianeti, in modo che caschino rovinosamente al suolo.
angry-birds-space-1In alcuni schemi si possono ritrovare degli asteroidi, che potremo spingere verso i verdi porcelli per distruggerne gli involucri che permettono loro di stare in mezzo alle stelle (nientemeno che bolle, come quelle di sapone); alcuni meteoriti saranno poi di ghiaccio puro, e toccati si divideranno in più parti volando per il livello; la combinazione migliore è quella Nero/asteroide, dato che una esplosione mirata potrà spingere questi pietroni con facilità verso le basi suiniche. Altra combo di successo quella Ice/Blu, dove prima ghiacceremo intere zone e poi le distruggeremo con facilità attraverso il tiro a 3 proiettili. Infine non mancano i boss, da affrontare distruggendo strani macchinari e navicelle spaziali, presenti alla fine di ognuno dei tre mondi disponibili (più uno ulteriore, che però raccoglierà i livelli bonus segreti che si sarà riusciti a sbloccare nel corso del gioco, con richiami video ludici a titoli quali Breakout, Space Invaders e Super Mario.

Valutazione

Grafica 77%
Sonoro 80%
Giocabilità 87%
Carisma 90%
Longevità 75%
Final Thoughts

Angry Birds Space è la dimostrazione di tutto quello che un sequel dovrebbe offrire: novità, sfida ed importanti cambiamenti in una struttura di base già nota al giocatore. Le nuove modalità permettono di divertirsi a studiare le giuste orbite per i tiri, cercando molto spesso di trovare la strada più rapida verso la scatola di dinamite, per gustarsi poi la cascata di pezzi che volano e vagano dappertutto. Peccato solo per la eccessiva randomicità di alcuni tiri, che ne mina di poco il voto finale, ma che non riesce a far stonare più di tanto un titolo fresco e brillante, o come si diceva anni addietro… spaziale !

Overall Score 81%
Readers Rating
0 votes
0