I videogiochi più attesi del 2015 News, Rubriche, WII U

Cosa ci aspetta: I videogiochi più attesi del 2015 Parte II


Ed eccoci al Cosa ci aspetta: I videogiochi più attesi del 2015 – Parte II! Altri titoloni che usciranno, e che speriamo usciranno nel corso di questo 2015, che si preannuncia un anno denso di emozioni e videoludico divertimento!

Buona lettura e buon gaming!

Halo 5: Guardians (Xbox One)

Halo 5: GuardiansDopo gli eventi drammatici contenuti nel finale di Halo 4, Master Chief era ritornato fra le file di quella che è sempre stata la sua famiglia: l’esercito. Ma era una cosa che evidentemente non poteva durare. Non dopo la menomazione subita dallo Spartan. Non sappiamo di preciso quali motivazioni l’abbiano spinto ad andarsene, ma in Halo 5, il Chief parte per un viaggio solitario, cercando risposte. Un’altro Spartan gli sta dando la caccia, forse per riportarlo a casa o forse per abbattere quello che probabilmente per gli alti ranghi è divenuto uno “strumento” difettoso. Nel frattempo le riaccese ostilità con una frangia estremista dei Covenant rischiano di far scoppiare un nuovo conflitto che potrebbe costare molte vite. Queste la premesse da cui parte il primo capitolo next-gen (volendo escludere la Master Chief collection) del brand piú remunerativo e blasonato della console di casa Microsoft. Si annuncia come un capitolo che offrirá un maggiore impatto emotivo, continuando sulla strada aperta dal suo predecessore diretto, in cui abbiamo potuto conoscere il lato piu umano del Chief. La Beta di quest’ultima parte di 2014 ci ha inoltre confermato che il multiplayer mantiene lo stile tipico della serie e questo a molti basterà per giustificare l’acquisto. Probabile uscita: fine 2015.

Dying Light (PC, PS4, Xbox One)

Dying LightNato come seguito di Dead Island, Dying Light si è presto distaccato dal brand perchè le varie innovazioni introdotte da Techland fecero riflettere Warner Bros. che forse era il caso di lanciarlo come nuova IP. E ormai manca veramente poco al momento in cui potremo affrontare orde di non morti parkourando in giro: Dying Light arriverà sugli scaffali il 30 Gennaio. Il gioco ripropone gli scontri corpo a corpo utilizzando armi improvvisate che si erano già visti in Dead Island, unendole al freeruning. Il giocatore può scattare, arrampicarsi, saltare da un tetto all’altro con agilità, cosa che combattendo contro un’orda di lenti e impacciati non morti è decisamente un vantaggio non da poco ( chi ha visto “Welcom to Zombieland”, sa che i primi a morire contro gli zombie, ahimè, sono i ciccioni. Dio li benedica). Di giorno almeno. Si perchè di notte, per ragioni sconosciute, gli zombie diventano più aggressivi, svelti e alcuni diventano addirittura delle vere e proprie macchine da guerra. Si tratta dei Cacciatori, zombie con capacità sovrumane, in grado di compiere balzi enormi, correre velocissimi e utilizzare la lunga lingua come una frusta o un “lazo” per afferare i malcapitati umani come dei vitellini. Per sopravvivere di notte, bisogna costruire trappole, fare attenzione ai rumori, e tener conto delle condizioni atmosferiche. Potranno capitare giornate di nebbia, piovose, o ventose, e ognuna di queste vi offrirà vantaggi e svantaggi da considerare mentre tentate di sopravvivere e scoprire cosa ha causato l’outbreak di non morti. Ancora una quindicina di giorni e scopriremo di che pasta è fatto.

Bloodborne (PS4)

BloodborneAnnunciato all’E3 del 2014 questo titolo dei From Software ha molto in comune con i suoi “fratellI” Dark Souls e Demon’s Souls, almeno all’apparenza. Lo stile dei combattimenti, la telecamera in terza persona, i dungeon oscuri e misteriosi infestati da terribili mostri da affrontare, tutte cose già viste nei titoli sopracitati, no? Invece ad un’analisi più attenta ci si può accorgere che le differenza ci sono. Intanto l’ambientazione gotico vittoriana, che da al titolo un’atmosfera più “occidentale”, e in qualche modo più “sporca”. Nei video di Bloodborne il tono è estremamente crepuscolare e decadente, quasi come se il mondo non avesse più alcuna speranza, nessun focolare da accendere, nessuna scintilla a portare un po’ di luce. Solo buio e follia. La trama è incentrata su un uomo (il suo nome, ad oggi è ancora sconosciuto) che si inoltra nei tortuosi vicoli della città di Yharnam, per trovare una cura alla piaga che sta portando alla pazzia e trasformando in orribili mostri tutti gli abitanti del mondo di Bloodborne. Per affrontare le creature che si aggirano per la città, il giocatore avrà disposizione vari tipi di armi, tra cui martelli, falci, pistole e fucili. Ogni arma potrà “switchare” fra due configurazioni: l’ascia, potente a distanza ravvicinata, si puó ad esempio trasformare in un’alabarda piú adatta al crowd-control. Parliamo di crowd-control perchè i combattimenti di Bloodborne saranno più frenetici di quelli di Dark Souls, con numerosi nemici su schermo. Un’altra novità del combat system sarà data dalla possibilità di rigenerare parte degli HP perduti, parando gli attacchi degli avversari, ma nonostante questo From Software garantisce che il livello di sfida sarà comunque molto alto. Bloodborne sarà disponibile in Europa dal 25 marzo 2015.

Tom Clancy’s The Division (PC, Xbox One, PS4)

The DivisionThe Division è stato uno dei giochi ha saputo maggiormente attirare l’attenzione all’E3 2014. Il progetto è sicuramente interessante: uno sparatutto in terza persona online, ambientato in una New York devastata da un virus diffuso tramite denaro contaminato messo in circolazione il giorno del Black Friday. Risiede nella Division, un corpo speciale di agenti altamente addestrati per intervenire in caso di attacchi terroristici dai risultati catastrofici. I giocatori potranno organizzarsi in squadre e esplorare la città mettendo in sicurezza edifici e strade accuratamente ricostruite in chiave post-apocalittica grazie alla potenza del nuovo motore Snowdrop, pensato per console next-gen. Dai filmati in-game mostrati, abbiamo potuto ammirare delle meccaniche shooter solide, con un buon sistema di copertura e un’interfaccia di gioco completamente priva di orpelli; gli indicatori e contatori su schermo sono rappresentati solo in piccolo vicino al personaggio, tutto il resto dello schermo è libero, permettendo una visione completa dello scenario, come in uno sparatutto tattico. La speranza è di vederlo nei negozi entro la fine dell’anno.

Heroes of the Storm (PC)

Heroes of the stormSfidare i colossi DOTA ( che ha raggiunto da poco i 10 milioni di utenti unici) e LOL e uscirne vincitore? Impresa difficile, ma sembra che questo MOBA di casa Blizzard non sia affatto intimidito e anzi, abbia tutte le carte in regola per compiere l’impresa. Una grande quantità di personaggi, varie mappe con un gameplay unico, e uno skill system innovativo, sono gli ingredienti di questo titolo dagli obiettivi ambiziosi. Se volete darci un’occhiata più approfondita, leggetevi la nostra anteprima della versione alpha: Heroes of the Storm – Anteprima

The Order 1886 (PS4)

The Order: 1886Grandi aspettative gravano sulle spalle di questa esclusiva PS4. Hypò il mondo con un filmato in computer grafica visivamente impressionante e la promessa che la grafica in-game satebbe stata dello stesso livello. I video in game ci hanno confermato che il comparto tecnico è di prim’ordine, ma sappiamo bene che nel mondo videoludico la bellezza deve essere accompagnata dalla sostanza, e su quella non possiamo ancora pronunciarci. Quello che sappiamo finora è che giocheremo come Sir Galahad, un membro dei Cavalieri, un antico ordine fondato da Re Artù in persona, per fronteggiare la spaventosa minaccia degli Ibridi. Questi sono esseri umani mutati geneticamente che fecero la loro comparsa nell’Alto Medioevo, facendo sprofondare l’umanità in un epoca di terrore e barbarie facendo prendere alla storia una piega diversa da quella che studiamo nei libri. Unici in grado di fronteggiarli furono proprio Artù e i suoi Cavalieri, che grazie al ritrovamento di un potente liquido magico chiamato Acqua Nera, riuscirono a combattere i mostri e a impedirgli di estinguere il genere umano. Galahad si muove nella Londra del 1886. Scoperte tecnologiche recenti hanno permesso all’Ordine di guadagnare quel vantaggio in più che pare possa permettere una sconfittta definitiva degli Ibridi, ma prutroppo ci sono altri problemi: la popolazione della città, vessata dalla crudeltà dei Nobili che la controllano, si sta ribellando, dando vita a disordini che rischiano di portare ad una guerra civile. Galahad e compagni, da sempre al servizio dei Nobili, si trovano così costretti a dover rivolgere le loro armi contro altri esseri umani. L’umanità si distruggerà con le proprie mani, lasciando che gli Ibridi approfittino delle loro lotte intestine? Per scoprirlo non ci resta che aspettare il 20 Febbraio.

Splatoon (Wii U)

SplatoonNintendo prova a mettere a tacere le voci di coloro che l’accusano di essere capace di lanciare solo nuovi capitoli o reboot delle sue serie più famose, con questo nuovo gioco. Splatoon è uno sparatutto in terza persona, orientato al gioco online. Nella sua modalità principale due squadre, composte da 4 giocatori l’una, si devono affrontare a colpi di inchiostro per colorare la mappa di gioco prima degli avversari. “Come?”, vi starete chiedendo. Colorare? Ebbene, sì! Perchè i protagonisti di questo gioco sono gli Inklings, ovvero degli esseri in grado di tramutarsi da esseri antropomorfi a seppie, che combattono le loro battaglie a colpi di inchiostro. Per ostacolare gli avversari, si può anche “inchiostrarli”, cosa che li farà ricominciare dallo spawn e perdere tempo prezioso per imbrattare la mappa. Gli Inklings, quando sono in forma di seppia possono muoversi all’interno delle macchie d’inchiostro, come dei sommergibili nell’acqua, il che permette di nascondersi dai nemici o preparare degli agguati. Le mappe saranno disseminate di armi secondarie con munizioni limitate che permetteranno di avere un certo vantaggio temporaneo, ed è previsto anche l’utilizzo di “attacchi speciali” come cascate di colore dall’alto a mo’ di attacco orbitale.

Quantum Break (Xbox One)

Quantum breakRemedy Entertainment, fin da Max Payne, ci ha abituato a giochi con un gameplay “fresco”, basato su meccaniche innovative. La celeberrima “schivata alla Max Payne”, la luce sfruttata come arma in Alan Wake. Tutti espedienti che hanno saputo donare personalità a giochi che già solo per la trama, grazie alla sceneggiatura del mitico Sam Lake, sarebbero stati comunque dei capolavori. Con Quantum Break, nuova IP in sviluppo per Xbox One, Remedy si propone di creare nuovamente un prodotto capace di stupire. La storia, nuovamente frutto del lavoro di Lake, ruota intorno ad un esperimento universitario riguardante il viaggio nel tempo che fallisce tragicamente, provocando una fatale frattura spazio-temporale. Presente, passato e futuro iniziano a mescolarsi, provocando tragici incidenti e seminando il caos ovunque. C’è però una speranza: tre delle persone presenti al momento dell’esperimento, Jack Joyce, Beth Wilder e Paul Serene, sviluppano dei poteri legati al tempo che potrebbero forse rimettere a posto le cose. Peccato che Serene voglia utilizzare il suo potere, che gli permette di vedere l’esito futuro di ogni possibile azione presente, rendendogli possibile quindi la visione di tutti i futuri possibili, per i suoi scopi personali, andando a diventare l’antagonista principale del gioco. Toccherà a Jack e Beth tentare di sistemare le cose. Quel poco di gameplay che abbiamo visto, ci ha mostrato che il gioco sarà uno sparatutto in terza persona, dove potremo fare cose come creare bolle temporali attorno ai nemici per “bloccarli” nel tempo, e affrontare ambientazioni che cambiano di continuo a casa delle sovrapposizioni temporali causate dalla frattura. La sua uscita è prevista per il secondo quarto del 2015.

Metal Gear Solid V: The Phantom Pain (Old e Next-Gen, PC)

Metal Gear Solid V: The Phantom PainDopo l’amato/odiato Ground Zeroes, tutto il mondo sta aspettando il vero quinto Metal Gear Solid. Ground Zeroes ha stupito tutti, per grafica e gameplay, ma ha deluso molti per la sua davvero brevissima, quasi ridicolmente breve, durata. Ora i riflettori sono tutti puntati su Phantom Pain di cui ancora però Kojima non ha voluto rivelare la data d’uscita. Dopo lo spettacolare trailer rilasciato all’E3 2014, in cui Kojima ha dimostrato ancora una volta il suo talento nel realizzare sequenze con un montaggio dal taglio cinematografico che non hanno eguali nel media videoludico, i fan si aspettavano che l’annuncio non sarebbe tardato. E invece eccoci a Gennaio e ancora non sappiamo! Che sofferenza! Quand’è che potremo finalmente vedere sui nostri schermi quel gioco che ci è stato promesso essere 200 volte più grande di Ground Zeroes e il “gioco stealth definitivo”. Un gioco dove potremo riutilizzare le scatole di cartone per nasconderci e “bussare” sulle pareti per attirare i nemici. Un gioco dove ci saranno decine di veicoli e armi diverse, tutte a nostra disposizione e da utilizzare come meglio crederemo. Un gioco in cui scopriremo nel dettaglio i tragici eventi che hanno portato Big Boss a diventare il cinico fondatore di Outer Heaven. Siamo pronti Kojima. Siamo pronti a commuoverci nuovamente e a provare con mano quello che, se le promesse verranno mantenute, potrebbe essere uno dei migliori giochi di sempre. Se…

Mortal Kombat X (Old e Next-Gen, PC)

Mortal Kombat XMortal Kombat X sarà il seguito diretto del Mortal Kombat del 2011, ma ambientato 25 anni dopo. Alcuni personaggi principali non saranno presenti per fare spazio a nuovi combattenti. Tipo la figlia di Sonya e E jhonny cage. Miei dei come è stato possibile che un evento del genere si sia verificato mi piacerebbe saperlo. I ragazzi di NetheRealm hanno promesso che troveremo di nuovo un plot degno di questo nome, con protagonosti i due combattenti icona del brand: Subzero e Scorpion. Ritrovarsi di nuovo un picchiaduro senza trama sarebbe una delusione visto l’ottimo lavoro svolto nel 2011, e con Injustice: Gods Among Us. Parlando di gameplay ci sono alcune novità: per la prima volta nella storia dei Mortal Kombat ogni lottatore disporrà di 3 stili di combattimento diversi, selezionabili a inizio partita. Questi stili andranno a influenzare l’efficacia di alcuni tipi di mosse, dando modo al giocatore di selezionare quello più adatto al proprio modo di giocare. Questa feature potrebbe portare il già profondo sistema di combattimento a nuove vette di giocabilità, rendendolo ancora più tecnico di quanto non fosse già. Altra novità consisterà quella di poter usare come “armi” parte dell’ambientazione. Per il resto troveremo nuovamente le devastanti mosse X-Ray e Fatality  più cruente che mai, grazie al livello di dettaglio reso possibile dalla next-gen. Nuovo sangue scorrerà sui nostri schermi a partire dal 14 Aprile.

Rise of The Tomb Raider (Old e Next-Gen, PC)

Rise of the Tomb RaiderIn un panorama videoludico intasato di remake e reboot, più o meno riusciti, abbiamo già avuto modo di vedere il ritorno di Lara Croft. Una Lara giovane alle prese con la sua prima avventura al limite. Una Lara ben lontana dalla navigata “archeologa” che abbiamo imparato ad amare. In Rise of The Tomb Raider comincerà la sua trasformazione, e non sarà indolore. Ce lo dimostra il trailer in cui la vediamo da un analista, mentre prova a lasciarsi alle spalle gli eventi dell’isola del Triangolo del Drago. Nelle sequenze conclusive però vediamo Lara impegnata ad esplorare un enorme caverna, e assumere la consapevolezza che ognuno deve “diventare chi è destinato ad essere”. La sua uscita è prevista per la fine del 2015, in esclusiva temporanea su Xbox 360 e Xbox One.