Rubriche

Criticast – Nelle mani di Boll


Play

Amici ascoltatori e nemici asfaltatori, ecco finalmente il ritorno di Criticast, il podcast videoludico che vi fa sentire più meglio. Tranne forse nella puntata di oggi, un Criticast tutto dedicato alla figura dell’esimio regista Uwe Boll, noto per le sue controverse trasposizioni in film di numerosi videogame. Ovviamente esimio e non terribile, e controverso al posto di schifezzoso perchè abbiamo strizza che inviti pure noi a sfidarlo sul ring.
A passeggiare tra ciccioni randomici, scene d’azione a caso ed esplosioni gratuite, troviamo il fido presentatore antivampirico Giuliano Luongo, il recensore nel buio Roberto “Tuxx” Toia, lo spacca-boomerang Mattia “Max” Pagano e come ospite speciale il buon Mattia Targhetti, alias noto come Samuraifufi in quel dello Youtubo. Come sempre potete scaricare la puntata dalla pulsantiera qui sotto, e vendicare insieme a noi il triste destino dei giochi finiti nelle mani Bolliane! (Beh, forse Postal a parte).

puntata bolliana (2)– Un uomo, un perchè: ecco Uwe Boll
– Una carriera di su cessi
– Grazie Germania, per aiutare costui
– Critici da ring ed autopetizioni negative
– Filmografia videoludica zotica
– THE HOUSE OF THE DEAD, proiettili di banalità
– Attori a caso e capitani di tonnara spaziale
– Giri di 360°
– Finale attaccato a caso con il gioco
– La Funny Edition: versione comica del film…
puntata bolliana (1)– Vomitiamo insieme a Boll
– Giri di 360° (di nuovo)
– Boll vs Bay
– Il gioco sbagliato
– Uwe Boll, nella veranda, con la chiave inglese
– ALONE IN THE DARK, paura nel buio, spari nel buio, buio nel buio
– Indiani double face e protagonisti anni 90
– La scienza di Tara Reid
– Un’intro tutta da leggere
– Sempre più buio
puntata bolliana (9)– Cento strade per mezza trama
– Finali aperti tra il plagio ed il nonsense
– Il sogno erotico di Michael Bay
– Alone in the Dark 2, di peggio in peggio ancora
– La strega, il pugnale e le doppie dimensioni
– Danny Treyo passa di lì
– Caro Uwe Boll ti scrivo…
– La tristezza colossale
– BLOODRAYNE, la vampira del Medioevo
– Botte e zizze in barba alla narrazione
– La poetica Bolliana
puntata bolliana (8)– Cast stellari per film poco profumati
– Ben Kinsley, da Gandhi a Kagan
– Ancora cast, mandarini e premi a caso
– La Michelle Rodriguez
– Parè tra 80 e 90
– L’attore bonus: Udo Kier
– Charlot fa un Barrel Roll
– Come non fare nulla per un intiero film
– Kagan’s Throne
– Spese pazze
– BLOODRAYNE 2 e 3, tempi moderni
– Boll diventa Adolfo
puntata bolliana– Cowboy contro Vampiri
– Home video
– La trama del videogame
– Pensiero Bolliano
– IN THE NAME OF THE KING: A Dungeon Siege Toilet
– Piaceri che fanno sentire in colpa
– Un gioco carino con scenari interessanti e muli
– La leggenda di Farmer Farmer
– L’onore dei Puffi
puntata bolliana (4)– Burt REynolds
– Costumi imbroccati
– Le botte del fattore
– Il boomerang dei Secoli Bui
– Buoni effetti e sfiatellate innervosenti
– Il destino del fattore
– Ray Liotta, il mago cattivo amante di Moccia
– Morti smorenti e spade fluttuanti
– Quando servirebbero più effetti
– Ninja, arti marziali e un po’ di gnocca medievale
– Hellboy e Scooby Doo
puntata bolliana (3)– Altri attori pescati dal cappello
– TRIVIA: attrici da tangenziale
– IN THE NAME OF THE KING 2, moderno vs medievale
– Dolph Lundgren è un genio assoluto
– Dungeon Siege: a spasso nel tempo
– IN THE NAME OF THE KING 3: the last job
– Cacate temporali
– Lincoln Burrows ruba bambini e va nel medioevo. Ma vaff…
– La follia supera il tempo e lo spazio
puntata bolliana (5)– POSTAL, quando la parola grezzo è un eufemismo
– Se già la base è deviata
– South Park incontra i Vanzina
– Comicità microscopica
– Alla caccia delle bambole pene
– Scene che ti fanno sentire in colpa
– Umorismo discutibilerrimerrimo
– Festa crucca
– Forse un adattamento corretto?
– La tristezza del cattivo gusto
puntata bolliana (6)– Cattivo gusto fatto alla cacchio
– Boll si salva?
– Finale di grande senso, sì certo
– Razzismo portami via
– FAR CRY, Boll ritorna alla piattezza
– La trama del gioco
– Trama = Scene di azione montate un po’ lì così
– Partenza col botto e poi sfiatellata fino alla fine
– Il ritorno del ciccione
– Boll gioca ai soldati tipo asilo
puntata bolliana (7)– Il trionfo del banale
– Attori vari e tristezza
– Americani tedeschi e tedeschi americani italiani
– Inutilità
– Il Dr. Kier crea in Far Cry gli alieni di Prometheus
– Cospirazionismi
– Un film su Uwe Boll …?
– I PROGETTI PERDUTI, per fortuna
– Metal Gear Bollid, Kojima si ribella
– Kojima è un paraculaccio
– Paul William Scott Anderson porta il Tuxx all’ira funestaInTheNameOfTheKing 3
– World of Bollcraft, Blizzard si ribella
– Blizzard è una paraculaccia
– Americans Orchi
– Il futuro di Boll
– E se ci fosse pure Ninja Gaiden?
– La poetica di Boll, ancora
– La fine del mondo (e della puntata)
– PS: Horror italbollici
– La salita finale al potere di Boll
– Saluti e paura totale per il futuro filmico di costui

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.