Far Cry New Dawn Genere, PC, PS4, Recensione, Xbox One

Far Cry New Dawn – Recensione: Colori, pallottole e etanolo


Ubisoft Montreal

Sviluppatore

Ubisoft

Publisher

FPS, Open World

Genere

Far Cry, uno dei cavalli di battaglia di casa Ubisoft, ritorna con uno spin-off a tema post-apocalittico: Far Cry New Dawn. Cosa ci aspetta in questo nuovo mondo? Bhè, diciamo un po’ le solite cose, anche se più colorate.

ATTENZIONE: L’articolo contiene spoiler sulla trama di Far Cry 5. Siete avvisati.


Come predetto il mondo è finito…

Le gemelle Lou e Mickey, le nuove antagoniste di questo capitolo.

Far Cry New Dawn è il primo titolo del franchise che si propone come sequel di un altro capitolo. In questa nuova avventura sparacchiatoria infatti, saremo chiamati a combattere nella Hope County di Far Cry 5, dopo che questa è stata distrutta da un disastro nucleare, o più precisamente, da quel “Collasso” che Joseph Seed aveva tanto insistito si sarebbe verificato. Il mondo è profondamente cambiato.
Senza la presenza dell’uomo la natura ha ricominciato a prosperare, tanto che, almeno nella porzione di Montana in cui è ambientato il gioco, il mondo ha assunto un’aspetto quasi paradisiaco. I sopravvissuti, dopo aver trascorso i primi anni dopo il disastro nei loro bunker antiatomici (gli abitanti di Hope County erano quasi tutti prepper), ora stanno cercando di ricostruire una parvenza di civiltà. I loro sforzi si concretizzano nella fondazione di Prosperity, una città dove tutti vivono in pace, basando le proprie vite sui concetti di amore e fratellanza. Incredibile ma vero, sembra che l’umanità per una volta sia riuscita a imparare qualcosa dai propri errori. E invece no.

Far Cry New Dawn
La natura ha subito una sorta di rinascita dopo il Collasso.

Un gruppo di banditi che si fa chiamare i Guerrieri della Strada preferiscono aggirarsi per quelli che furono gli Stati Uniti d’America scaccheggiando e massacrando, piuttosto che perdere tempo a costruire. Capitanati dalle Gemelle Lou e Mickey ( le due antagoniste principali del titolo, presenti anche in copertina) i Guerrieri minacciano la pace di Prosperity e gli abitanti si vedono dunque costretti a chiedere una mano all’ex-soldato Thomas Rush e al suo gruppo che si sono assunti il ruolo di cercare di contrastare le attività dei Guerrieri nel paese. Del gruppo di Rush fa parte anche l’alter-ego del giocatore, il Capitano della Sicurezza, del quale si potrà scegliere il sesso all’inizio del gioco e personalizzare l’aspetto successivamente. In qualità di braccio destro di Rush ci si trova quindi coinvolti nella lotta per la sopravvivenza di Prosperity, che porterà gli abitanti a dover iniziare un processo di “militarizzazione” dell’avamposto, senza il quale sarebbero destinati a soccombere.

Far Cry New Dawn

Il Capitano della Sicurezza, nuovo eroe senza nome della serie può essere personalizzato nell’aspetto e nell’abbigliamento.

Naturalmente, visto che si tratta di un sequel diretto, ci verranno date anche delle risposte riguardo al destino di Joseph Seed e del Novellino, ma non vi anticipo niente. Infondo, scoprire cosa sia accaduto ai due personaggi dopo il finale di Far Cry 5 è forse il motivo principe che spingerà molti a giocare questo capitolo. Sulla storia mi sento solo di dire che a suo modo funziona: ci sono delle parti abbastanza interessanti e con la giusta dose di pathos, così come sono interessanti alcuni personaggi, anche se, per la maggior parte hanno una caratterizzazione molto “macchiettistica”, e parlo soprattutto di quelli secondari, relegati per la maggior parte al ruolo di relief comico/demenziale.

Il fuoco con il fuoco

Far Cry New Dawn
Conquistare gli Avamposti è un ottimo modo per ottenere in fretta etanolo.

Come abbiamo detto, il motore principale dell’azione è quello di aiutare gli abitanti di Prosperity a diventare in grado di difendersi dai Guerrieri della Strada. Per fare ciò il giocatore dovrà compiere delle attività che riguardano il potenziamento di vari edifici presenti all’interno dell’insediamento. Questi potenziamenti, ottenibili con l’etanalo, nuova moneta di scambio del mondo post-atomico, sono necessari per proseguire con la trama del gioco, ma anche per acquisire armamenti e veicoli migliori. Oltre all’etanolo però, armi e mezzi vanno costruiti impiegando altri tipi di risorse, che il giocatore può procacciarsi qua e là nelle numerose location sparse per la mappa. Le più importanti e ricche di materiali sono i soliti Avamposti, delle zone controllate dai nemici, che una volta liberate possono essere utilizzate come base dal giocatore e dagli abitanti di Prosperity. La modalità di liberazione degli avamposti è sempre la stessa a cui ci ha abituato la serie: vanno eliminati tutti i nemici presenti nell’area, magari avendo anche l’accortezza di mettere fuori uso i sistemi di allarme dei nemici, per evitare che chiamino fastidiosi rinforzi. Una piccola novità è però rappresentata dall’opportunità di poter abbandonare l’Avamposto facendolo così ricatturare dai nemici e ottenere maggiori risorse. L’unico problema è che ad ogni cattura le guardie all’Avamposto saranno di “livello più alto”. Esatto, avete letto bene: come già accaduto con Assassin’s Creed, Ubisoft ha deciso di introdurre in Far Cry degli elementi da RPG.

Far Cry New Dawn
Tenere upgradati veicoli ed armi è l’unico modo per poter proseguire senza problemi nella trama. Nell’immagine un veicolo di livello 2: il Trattore-Fresa.

Cosa significa tutto questo? Significa che armi, veicoli e nemici, sono divisi in categorie di potenza, o meglio di livello: armi di livello 1 sono in grado di danneggiare efficacemente nemici di livello 1, mentre fanno pochissimi danni a nemici di livello 2 o superiore. Significa dover sempre aggiornare il proprio armamentario, per tenere il passo con il livello di difficoltà crescente. Questo purtroppo spinge in alcune situazioni a doversi dedicare al grinding solo per riuscire ad avanzare con la trama, ed è una cosa che in un Far Cry non mi sarei mai aspettato di dover fare. Certo, anche negli altri erano presenti potenziamenti vari per poter affrontare meglio i nemici, ma qui il fatto è che si è praticamente costretti a farlo se si vuole riuscire a completare il gioco senza dover affrontare combattimenti estenuanti e al limite del paradossale. Del tipo che sparare a dei nemici a petto nudo con un lanciarazzi di livello 1, non li ucciderà perché questi son di livello 2. E addio realismo.

Far Cry New Dawn
Nemmeno gli esplosivi saranno efficaci sui nemici a meno che non siano del livello “giusto”.

Però, ok, uno potrebbe anche accettare questa svolta alla “Borderlands”, solo che è evidente che nel tentativo di inserire quanti più elementi di gameplay possibile, alla fine della fiera ci sono cose che cozzano brutalmente fra loro. Un esempio? Lo stealth. Il gioco dà l’opportunità di entrare di soppiatto in un avamposto nemico però non di assassinare di nascosto i nemici presenti perché non ho preso il Tratto che mi permette di giustiziare i nemici di livello 2. Sì, perché sono presenti anche dei Tratti da sbloccare con dei punti ottenuti superando delle sfide in game. A differenza dei vecchi alberi delle abilità degli scorsi Far Cry però, in questo caso acquisire i Tratti è l’unico modo per compiere determinate azioni, come assassinare i nemici di un dato livello, per l’appunto. Ciò significa anche solo per utilizzare un certo stile di gioco è necessario grindare punti abilità, giocando magari in una maniera distante dal modo in cui vorremmo. Si tratta, a parere di chi scrive, di un netto passo indietro, per una serie che ha sempre fatto della libertà di approccio un vanto.

Far Cry New Dawn
In questo capitolo le pelli degli animali possono essere rivendute in cambio di risorse.

Parlando di puro gunplay, non ci sono novità da segnalare. Come sempre ci sono armi che restituiscono un buon feeling, e altre , come ad esempio le pistole, che sembrano tutte “ad acqua”. Ottima la varietà di bocche fuoco che vedono anche qualche introduzione decisamente divertente tipo il lancia-seghe, con il quale è possibile colpire i bersagli sfruttando i rimbalzi sulle superfici. Robe che manco Revolver Ocelot. Ad aggiungere qualche altro strumento d’offesa troviamo anche un rudimentale sistema di crafting, altra eredità di Far Cry 5, che permette di creare vari tipi di armi secondarie come coltelli da lancio, pipe bomb e molotov.

Distratti dalla bellezza

Far Cry New Dawn
Certe location sono ricche di fascino.

A livello tecnico Far Cry New Dawn sfrutta il Dunia Engine, lo stesso motore impiegato per il 5 e difatti i titoli, almeno per quanto riguarda la grafica pura sono praticamente identici. Quello che cambia in maniera rilevante è invece la direzione artistica, che è anche uno degli aspetti più interessanti del gioco. New Dawn non propone il solito wasteland post-atomico dai colori grigi e cupi, ma un’ambientazione all’esatto opposto: alberi e arbusti hanno reclamato il loro posto che prima gli era stato tolto dall’uomo e gli animali sono mutati divenendo, nella maggior parte dei casi, una versione fluo di quelli a cui siamo abituati. Troviamo quindi tacchini multicolor, cervi dal manto bianco e le corna rosa, bisonti dorati e così via. Optare per mondo selvaggio e ricco di colori ha permesso agli sviluppatori di ricreare degli scorci al limite del fantasy, dove fiori dai pigmenti vivaci fanno da contorno a specchi d’acqua che sembrano usciti dalla Pandora di Avatar. Inoltre l’ambientazione acquista ulteriore fascino agli occhi di tutti coloro che hanno giocato il 5, visto che ne ripropone le location: è bello girare per la mappa e osservare come il mondo sia cambiato dopo il Collasso, notando le varie differenze.

Far Cry New Dawn
Essendo New Dawn ambientato nello stesso luogo, non mancano riferimenti a luoghi e personaggi di Far Cry 5.

Putroppo però non tutti i ritorni sono graditi, e mi riferisco all’ I.A. lacunosa che è diventata un po’ un marchio di fabbrica negativo della serie. Siamo sempre alle solite cose: i nemici hanno due o tre routine di azioni e capita che nel bel mezzo di una sparatoria non riescano più a individuare il nostro caro Capo della Sicurezza, solamente perché lo abbiamo fatto nascondere dietro ad un albero. Un bell’upgrade a sta I.A. farebbe molto, molto bene e speriamo che magari arrivi col prossimo capitolo.

Dal canto audio troviamo tracce che ben accompagnano ogni momento del gioco, anche se nessuna risulta essere memorabile, mentre gli effetti di spari ed esplosioni sono uguali a quelli del 5. Ottimo il doppiaggio, sia inglese che italiano, anche se per quanto riguarda quello nostrano c’è da segnalare un certo overacting nelle fasi di combattimento: certi personaggi urlano come ossessi per qualunque cosa, tanto da risultare a volte fastidiosi.

Grafica 90%
Sonoro 70%
Giocabilità 65%
Carisma 70%
Longevità 80%
Final Thoughts

A fronte di un'ambientazione decisamente affascinante e alcune nuove introduzioni di gameplay Far Cry New Dawn non riesce a portare alcuna innovazione al brand e anzi, sotto alcuni aspetti fa dei decisi passi indietro, diventano appetibile solo per coloro che cercano qualche ora di svago fra sparatorie, grinding ed esplosioni, e chi desidera sapere che ne è stato del Novellino e di Joseph Seed. Sicuramente non fra i capitoli migliori della serie.

Overall Score 75%
Readers Rating
0 votes
0

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.