insurgency sandstorm PC, PS4, Xbox One

Insurgency Sandstorm – Recensione – Più di prima, meglio di prima


New World Interactive

Sviluppatore

Focus Home Interactive

Publisher

FPS tattico

Genere

Insurgency Sandstorm riprende il filo del discorso esattamente dove era stato lasciato dal suo predecessore, tornando a essere uno dei giochi di punta nella categoria degli shooter più tattici che frenetici. Gli sviluppatori sono sempre la New World Interactive ma questa volta il gioco viene pubblicato dalla Focus Home Interactive. La ricetta originale di insurgency è stata mantenuta in tutto e per tutto con qualche aggiunta e un buon numero di miglioramenti.

Insurgency Sandstorm può essere giocato in diverse modalità che dovrebbero poter soddisfare la maggior parte degli utenti. Il suo punto forte rimane la modalità competitiva 5vs5 che però tende a venir giocata da una quantità limitata di player molto motivati e desiderosi di confrontarsi con partite impegnative. Gran parte delle persone la troverete concentrata nei server standard, dove il numero di giocatori è più elevato e con una difficoltà media (solitamente in modalità checkpoint o firefight). In caso vogliate concedervi una sera di divertimento in compagnia di amici e senza troppo impegno, potrete giocare in cooperativa contro a dei bot. La varietà permette a quasi tutti giocatori, con diversi livelli di abilità, di potersi divertire senza troppi problemi.

Grafica

insurgency sandstormLa grafica non è mai stata il punto forte di Insurgency, nonostante in Sandstorm si vedano dei miglioramenti soprattutto a livello di effetti (esplosioni, fumo ecc..). Alcune texture sono fatte decisamente meglio delle altre, come se ci fossero ancora alcuni oggetti, piazzati nelle mappe, da rivedere e migliorare graficamente. Le armi sono realizzate bene sia visivamente che tecnicamente anche se un amico mi ha fatto prontamente notare come le animazioni del Mosin ogni tanto si dimentichino di mostrare l’espulsione del bossolo. La revisione dei menù e della schermata di selezione personaggio e equipaggiamento sono apprezzabili. In particolare fa molto piacere poter vedere quali statistiche vanno a cambiare gli attachment che possiamo installare sulle armi.

Personalizzazione

insurgency sandstormVolendo potrete cambiare aspetto e vestiti del vostro alter ego in game. Il menù di personalizzazione vi permetterà di cambiare i tratti somatici del vostro personaggio anche se non ci troviamo esattamente di fronte ad una scelta esageratamente varia. Completando partite otterremo dei punti da spendere in personalizzazione (colori, vestiti, aspetto…) con lo scopo di rendere il personaggio unico. Fino a questo momento non sono riuscito a capire fino a che punto si spinge la personalizzazione. La speranza e che non si verifichi una situazione tipo Rising Storm 2 dove le modifiche estetiche rendono i soldati delle due fazioni molto simili tra di loro (senza indicatori diventa la fiera del friendly fire).

Sonoro

Il sonoro di Insurgency Sandstorm è apprezzabile e rimane uno dei migliori tra questo genere di giochi. Ogni arma ha un suono distinto che varia notevolmente in base al luogo dove si trova il tiratore. Fare fuoco da un posto chiuso produrrà un rumore piuttosto sordo e un avversario esperto potrà cercare di capire in quali punti della mappa vi siete appostati. I personaggi sembrano avere qualche linea di dialogo in più e tendono sempre a urlare se presi di mira anche senza essere feriti. Ultimo aspetto fondamentale e che sparando ai registratori di cassa potrete sempre sentire il classico “Ding”.

Gameplay

insurgency sandstormInsurgency Sandstorm non è esattamente un gioco semplice da padroneggiare. Una pallottola di piccolo calibro ben piazzata è sufficiente e mandarvi all’altro mondo così come le esplosioni sono letali anche a discreta distanza. Il movimento dei personaggi è molto distante da un CoD o da un Battlefield, soprattutto per quanto riguarda le armi. Puntare e mirare il vostro fucile richiede un minimo di tempo e sparare in hipfire è sinonimo di imprecisione. Le modalità sono quelle del vecchio insurgency con qualche modifica qua e là. Potete scegliere se giocare contro ad avversari umani per una partita più impegnativa oppure giocare contro ai bot per prendere confidenza col gioco, con le armi e con le modalità (che in certi casi non sono propriamente intuitive).

Co-op

Nonostante abbia un buon numero di ore in modalità standard contro ad altra gente su insurgency, devo dire che la maggior parte delle ore l’ho spesa giocando con gli amici in co op contro ai bot. Purtroppo per divertirsi davvero in questa modalità è praticamente necessario giocare con un gruppo di persone che conosciamo e che non hanno voglia di “tryhardare” nei server classici. In caso facciate parte di un gruppo di giocatori piuttosto dotato a giocare agli FPS, la co op servirà come allenamento e diventerà presto noiosa.

Veicoli

insurgency sandstormInsurgency introduce anche i veicoli, o meglio il pick-up con mitragliatrice pesante. I veicoli possono essere guidati da un giocatore mentre un altro può utilizzare la mitragliatrice. Il modo migliore per sbarazzarsi di questi mezzi è un RPG o una granata(volendo possiamo anche usare delle mine). Devo dire che sono solo parzialmente pericolosi contro a giocatori esperti. Le mappe non sono molto grandi e un singolo soldato con un esplosivo può far fuori il pick-up abbastanza facilmente. Inoltre il comandante potrà chiamare supporto per bombardare la zona in cui si trova il mezzo.

Altre novità

Adesso abbiamo anche una maschera antigas che possiamo indossare in caso di necessità e non. Il primo caso è quello più ovvio, venissimo presi di mira da un attacco col gas avremo il modo di uscirne indenni. Altro elemento importante è l’utilizzo della maschera per attraversare zone dove sono stati lanciati dei fumogeni. Senza maschera potrete sentire chiaramente i colpi di tosse dei personaggi, arrivando preparati potrete attraversare senza fare troppo rumore. Nella versione 1.0 del gioco quando osservatore e comandante utilizzano una qualsiasi delle abilità speciali li sentirete parlare (urlare) da lunghissima distanza. Mettendo la maschera si sente un pò meno, utilizzarla da osservatore e comandante potrebbe essere una buona idea.

Supporto

insurgency sandstormCome già anticipato, il comandante può chiedere supporto con delle abilità speciali che vanno dal bombardamento alla cortina fumogena. Il comandante deve essere necessariamente accompagnato da un osservatore per poter utilizzare la abilità (il sistema è molto simile a quello commander/radioman di RS2). Un set di indicatori specifico mostrerà al comandante quanto è distante da un osservatore e vice versa. L’A10 e altri attacchi saranno in grado si infliggere danni ai nemici in copertura, conviene quindi utilizzare questo tipo di attacchi quando siamo di fronte a nemici trincerati.

Valutazione Finale

grafica 75%
sonoro 91%
giocabilità 88%
carisma 83%
longevità 81%
Final Thoughts

Insurgency Sandstorm si migliora rispetto al suo predecessore mantenendo un gameplay e delle modalità già ampiamente collaudate. Sono stati aggiunti alcuni aspetti (abilità, veicoli, maschera) che andranno ad arricchire ulteriormente il gameplay. Le perplessità rimangono dal punto di vista del motore grafico. Visivamente siamo a un livello medio ma le risorse richieste per far funzionare il gioco sono decisamente elevate in confronto all'effettiva qualità visibile. Insurgency rimane un ottimo FPS tattico e ragionato con modalità di gioco che fanno al caso di quasi tutti i potenziali giocatori.

Overall Score 83%
Readers Rating
0 votes
0

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.