interstate drifter 2000 Anteprime, PC

Interstate Drifter 2000 – Anteprima: Di corsa a tavoletta


No, non è un modo di dire. Non si regola l’acceleratore. Interstate Drifter 2000 per voi, e senza polizza kasko.



Velocità fuori controllo


Interstate Drifter 2000 è un titolo di corse di stampo arcade a cura dello studio indipendene Ultimo Games e attualmente nella “fase 3” di early access su Steam.

Nel gioco vestiremo i panni di un anonimo e omonimo pilota intento a vivere una folle corsa attraverso superstrade e paesini vari di un non meglio specificato Paese futuristico in stile retrò, usciti direttamente da un 1980 prossimo venturo (altresì definibile tronlevatiproprio). Come nel migliore arcade degli anni d’oro, scopo del gioco sarà quello di arrivare al traguardo in uno degli “stati” raggiungibili dopo essersi destreggiati in una fase iniziale in stile autostrada a diramazioni multiple.


interstate drifter 2000
Il nostro verde preferito: quello che buca la retina

Pedal to the metal


Il modo migliore per descrivere il gameplay in itinere di Interstate Drifter 2000 è quello di vederlo come un epigono isometrico di Out Run e Need for Speed, con l’aggiunta di vari collectables lungo la strada #perchésì.

Una volta scelta l’auto – al momento solo due disponibili, di più alla release finale – saremo immediatamente scaraventati nell’azione autostradale: senza poter regolare l’accelerazione, dovremo curvare e frenare ad hoc controllando un drifting caciarone (stile ambulanze dell’ultimo Emergency) per arrivare all’agognato traguardo, evitando di tamponare gente. La forzata ignoranza nella guida contribuirà anche a scatenare le volanti della polizia una volta che ci passeremo davanti, dando il la a inseguimenti non troppo emozionanti da parte delle forze dell’ordine.


interstate drifter 2000
Tornare indietro non è un opzione

A pepare il tutto ci pensa la gestione della barra dei danni e di una fantomatica “energy” che fa andare avanti l’auto e svolge il ruolo di “tempo limite” per i vari stage che andremo ad affrontare. Con l’occhio a una macro-mappa, visualizzabile all’inizio di ogni sezione, vedremo letteralmente dove stiamo andando e quali biforcazioni avremo la possibilità di prendere, portandoci in differenti località caratterizzate da ambienti diversi.


I vascelli, quelli belli

Giramondo


La varietà delle “uscite autostradali” contribuisce a dare a Interstate 2000 quel tocco di sorpresa e (ulteriore) follia in più, capace di tenere alta l’attenzione dell’utente. Già il solo primo “traguardo” in una zona in stile Contea di Hazzard ci fa prendere le misure dell’approccio cazzeggione e “arcadeggiante”, che in più toni ricorda sessioni di gioco a Micromachines dal vivo – quelle con le mini-città pieghevoli, per intenderci. Le dinamiche corsistiche vengono arricchite da una serie di power up sparsi per le strade, spesso anche in luoghi remoti per fomentare l’esplorazione.

Già dopo pochi minuti, ci si rende conto comunque che il gioco soddisfi più per un inspiegabile x factor che per efficacia vera e propria: i controlli vanno oggettivamente per i proverbiali fatti loro, e si nota presto che l’intera azione tende ad andare un po’ a casaccio. Qualche perplessità anche sotto il punto di vista della veste grafica, i cui richiami agli albori della videoludica finiscono per tradursi in soluzioni perforanti per le pupille. Degni di nota anche i voice over in stile “robometallico”, piacevoli come il suono di connessione dei modem a 56k.



Strade panoramiche

In conclusione…

Tirando le somme, contando che è in fase di sviluppo da un micro-team, Interstate Drifter 2000 si rivela un gioco dalle discrete potenzialità che strizza l’occhio a molti capisaldi della cultura retropop in salsa di ispirazioni e aspirazioni miste da sala giochi e prima era degli home computer. Visto l’andazzo dell’early access, potrebbe essere un titolo che fra qualche mese ci stupirà. Ricordiamo inoltre che al lancio del gioco sarà anche rilasciata gratis la versione precedente del medesimo.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.