PC, Recensione

Keep Talking and Nobody Explodes – Recensione


Steele Crate Games

Sviluppatore

Steele Crate Games

Publisher

Puzzle, Cooperativo

Genere

Quante volte ci siamo sentiti che i videogiochi non ci fanno socializzare e che si limitano ad uno schermo? Ebbene, ora arriva il piccolo Keep Talking and Nobody Explodes a dirci che non è proprio così. Anzi a farcelo esplodere in faccia che non è così!

Non ti vedo, ma ti sento

Il giochillo dei Steele Crate Games è il classico caso di semplicità vincente: ci troviamo davanti ad una bomba a tempo, punto. Una simpatica valigetta con dentro diversi moduli da disinnescare prima che il timer arrivi a 00.00 e ci porti a salutare Santa Barbara, patrona degli artiglieri. Possiamo girarla con il mouse in modo 3D e selezionarne le Keep-Talking-and-Nobody-Explodes-1differenti parti, risolvendo i mini puzzle che la compongono.
Ma c’è un ma, e cioè che da soli non ce la faremo mai.
Ci serve per forza l’aiuto di un amico dall’esterno, che con proditorio manuale in pdf, o stampato su vecchia carta, ci dica volta per volta nelle sue 20 paginozze in inglese come dobbiamo procedere per far illuminare di verde la lucina dei diversi moduli. Viene da sé che per stesso regolamento di gioco (il che fa molto boardgame) l’aiuto disinnescatore non potrà MAI guardare lo schermo, e semplicemente attenersi a quanto gli venga descritto dallo sminatore, o meglio sbombatore. Le parole devono essere accurate, tanto più che per alcuni blocchi è necessario sapere particolari caratteristiche dell’ordigno, come spine, prese, numero e tipo di batterie presenti sui lati, portando al paciocco virtuale nevrotico ma divertentissimo.
Il conto alla rovescia parte, e la pressione che causa l’avvicinarsi alla schermata nera più esplosione è sufficiente per alti momenti di tensione comica, aiutati dalla sindrome da telefono senza fili, in cui basta un collegamento per non capirsi e mandare il tutto affanboom. E occhio a non fare errori, dato che dopo due o tre salteremo ugualmente per aria, ed a ogni cavolata fatta lo stesso timer procederà per qualche secondo a velocità maggiore, avvicinandoci a nostro Signore.

Un milione di modi per morire da artificere

keep takI moduli presenti non saranno miliardi, ma sufficienti a tenervi impegnati, ed il fatto che il gioco stesso ci chieda prima la versione del manuale da utilizzare fa pensare a qualche possibilità di nuovi apparecchi mortali in futuro. Passiamo quindi da tagliare i classici fili rossi gialli ed altri colori a pulsanti con su parole e simboli, sino ai terrificanti labirinti di pallini ciechi e radio bippanti in codice morse: qui forse si nota come certi moduli siano veramente troppo difficili rispetto agli altri (es. il pulsantone da premere al momento giusto), ma forse tutto sta nell’allenamento e nella precisione di operatività: mi vedrei bene dei tornei di questo gioco, sì sì. Oppure come già fa qualche americano, si creano dei ritrovi in cui più persone aiutano al disinnesco, ognuno esperto di un certo tipo di pezzi d’ordigno. E qua sì che l’unione fa la forza!

Durata del timer… ehm no longevità

A parte una serie di missioni precostituite, tipo campagna base, avremo poi la possibilità di utilizzare un comodo editor per partite personalizzate, decidendo tempo a disposizione e numero di moduli. Altre opzioni sono poi molto interessanti, come la “Bombe realistiche”, che farà esplodere la bomba al nostro primo errore di disinnesco.
Giacchè ci siamo per non fare i paragrafetti mignon, vediamo anche la componente sonora, che non si limita ad una mistura di bip e suoni metallici, ed anzi diventa importante per cadenzare il tempo rimasto a disposizione grazie ad alcuni crescendo ad hoc; simpatico il tema di gioco in stile ascensoresco. Grafica scarna e quasi plasticosa ma funzionale proprio per questo, manca veramente il bollino MB sulla bomba e c’eravamo.
LINK PER IL MANUALE DI GIOCO: http://www.bombmanual.com/

Valutazione

Grafica 73%
Sonoro 85%
Giocabilità 96%
Carisma 98%
Longevità 96%
Final Thoughts

Se è così difficile inventarsi qualcosa di nuovo nel mondo videoludico Keep Talking and Nobody Explodes ce la fa, ed in modo tanto semplice quanto divertente: tra il gioco di società ed il videogame da Oculus, con poco riesce a tirar su risate ma pure farci rendere attenti artificieri, in lotta al filo del centesimo di secondo. E non perdetevi le nostre sfide redazionali tra dialetti diversi del nostro Stivale!

Overall Score 89%
Readers Rating
1 votes
93