A New Beginning PC, Recensione

A New Beginning Director’s Cut – Recensione


Daedalic Entertainment

Sviluppatore

Daedalic Entertainment

Publisher

Avventura Grafica

Genere

Atmosfera inquinata, scioglimento dei ghiacciai, devastazioni climatiche in tutto il mondo: questo il risultato delle pessime azioni dell’uomo e del suo modo di trattare l’ambiente, che ridurranno il suo pianeta ad un colabrodo. Ma “A new beginning” ci dà uno spunto di salvezza: tornare indietro nel tempo, per cercare di cambiare, per sempre, il nostro destino. Premessa interessante e matura quella dell’avventura dei Daedalic Entertainment, da poco uscita in versione Director’s Cut: vediamo quindi cosa ci offre in più rispetto al gioco base, ma approfittiamone anche per dare uno sguardo a questo adventure game, dato che sul sito mancava. Siamo pronti a salvare la Terra ? Uhm.

Viaggi temporali ed alghe vitali

fay_pose2Senza rivelare troppo sulla trama, dove spesso capiteranno colpi di scena, vi dico che prenderemo il controllo di due diversi personaggi: Fay, ragazza di un team tornato indietro nel tempo con la speranza di ricostruire un mondo migliore modificando il passato, soprattutto grazie al lavoro di uno scienziato, il professor Ben Svensson, ovvero il secondo protagonista del gioco, creatore di un rivoluzionario sistema in grado di generare energia partendo da alcune colture di alghe.
In un classico punta e clicca, saremo dunque chiamati a risolvere diversi problemi, anche se spesso la strada da intraprendere è parecchio dritta, dandoci sempre un particolare obiettivo da raggiungere, e dove non mancano i momenti da puzzle game con macchinari da montare o tasti da premere mediante regole precise; l’interfaccia ci permetterà di compiere diverse azioni sugli oggetti di gioco tenendo premuto il tasto sinistro del mouse, direzionandolo quindi verso la scritta che vogliamo selezionare. A tal proposito in alcuni casi è un po’ ridondante la scelta di inserire comandi come “esamina” ed “ispeziona” per uno stesso hotspot, dando l’unica differenza nel dare una descrizione per il primo e trovare oggetti o dettagli in più nascosti in esso con il secondo: non basterebbe uno sguardo per capire già se vi sia altra roba nascosta o meno?
L’avventura si divide in vari capitoli, ma in realtà le vere e proprie location saranno all’incirca 6 – 7, che però si fanno ripercorrere in modi coerenti rispetto alla trama che sostiene il titolo. Al proposito della trama possiamo poi osservare come riesca a toccare alcune questioni davvero importanti come la salvaguardia dei polmoni verdi del pianeta, il fabbisogno energetico, il nucleare e l’inquinamento, con il colpo di genio di affidare lo sguardo su tali problemi ad un uomo degli anni 80 ed a una ragazza che invece vive ogni giorno le terribili conseguenze delle scelte di uno scomodo passato: i colpi di scena come detto non mancheranno, in una struttura in bilico tra flashback e prosecuzione diretta della storia.
a new beginning final cut (2)I protagonisti hanno una buona caratterizzazione, meno i comprimari, spesso un po’ relegati a macchiette del tipo “il cattivo speculatore”, “il buono senza scrupoli ed arcigno”, “il giornalista curiosone” etc. , ma la storia procede ugualmente senza problemi, dandoci anche qualche momento di tensione fino alla fine.
Ecco, il finale devo invece constatare che mi abbia lasciato un po’ perplesso, non tanto per una sorta di amarezza di fondo, che poteva anche essere apprezzabile, quanto per alcune premesse di inizio gioco che improvvisamente non vengono più prese in considerazione, più una scena dopo i titoli di coda, che potrei ormai catalogare come una “ma forse non è tutto finito … tan tan taaan!”, davvero un po’ troppo pretestuosa.

Suoni e immagini dal passato futuro, o dal futuro passato

a new beginning final cutLe musiche di gioco sono un po’ altalenanti, tra brani che passano molto in secondo piano (esempio tra i più bassi il bordone di mestizia del menu) ad altri assai più azzeccati, che colgono alla perfezione momenti drammatici piuttosto che più di azione; discorso a parte invece per la componente grafica.
Infatti le animazioni di gioco si basano tutte su disegni in 2d, in uno stile che seppur da cartone animato riesce a rendere la tragedia dei cambiamenti climatici, ma pure asettici laboratori, palazzi ed altri luoghi più immersi nella natura: i movimenti risultano però con troppi pochi frame, un po’ scattanti, dandoci l’idea di muovere pupazzi che compiono strane mosse di gambe e braccia ad ogni passo. bent_pose1Per le sequenze di intermezzo gli sviluppatori invece si affidano a fumetti animati, idea intelligente e spesso in grado di creare validi effetti nel racconto della trama.

Roba da Director’s Cut … o no ?

Ritornando al tempo presente, vediamo quindi cosa ci dà questa versione ampliata… purtroppo davvero poco. Rispetto al titolo originale infatti non abbiamo altro che una versione di gioco corretta nei suoi molteplici bug che la affliggevano, un lavoro insomma che si poteva forse realizzare senza far comprare due versioni diverse della stessa cosa. Beh, una aggiunta volendo c’è, e sta negli achievment di Steam, per gli amanti degli obiettivi da raggiungere in qualche modo. Sic.

Valutazione

Grafica 79%
Sonoro 75%
Giocabilità 83%
Carisma 80%
Longevità 80%
Final Thoughts

A New Beginning è un titolo che pone delle premesse davvero grandi e importanti, forse troppo per riuscire a mantenere un equilibrio costante nella trama e nel rapporto tra i personaggi; una maggiore attenzione ai dettagli, componente importantissima quando si va a pasticciare sulle linee temporali, avrebbe giovato alla storia, così come in alcuni momenti finali davvero un po’ troppo tirati via. Gli enigmi si alternano tra interessanti e più basici, e forse è l’aspetto maturo del gioco a farci desiderare anche a questo livello qualche cosa di più. Ma il vero problema sta proprio in quella dicitura Director’s Cut, che poteva offrirci quantomeno qualche location in più, art work od un commento degli autori, piuttosto che le poche aggiunte descritte in ultimo paragrafo. Una tappa sicuramente fondamentale nella maturazione di uno studio come quello Daedalic, ma purtroppo ora non ci resta altro che tornare indietro nel tempo e chiedere di sfruttare questa occasione di ristampa per avere, bug a parte, un poco di più nel gioco in sè. Chi ha qualche alga da prestarmi ?

Overall Score 79%
Readers Rating
0 votes
0