roombo PC, Recensione

Roombo: First Blood – Robottino con passione pulizie e legittima difesa



Roombo: First Blood è un titolo sviluppato dalla Samurai Punk (già conosciuti per giochi come Feather, Screencheat ecc…) che ci vedrà difendere una casa dai ladri mentre siamo nei panni di un Roomba.

Gameplay

Come potevate immaginare dal prezzo, Roombo non è esattamente un gioco con una meccanica molto profonda e elaborata. Il nostro scopo sarà quello di mantenere la casa pulita e fermare i ladri che cercheranno di rubare oggetti di valore. Ah, per fermare intendo uccidere il modo barbaro e truce utilizzando trappole non molto credibili. Il nostro Roombo può attivare queste trappole interagendo (hackerando, ma qui gli sviluppatori esagerano un pochino) con prese di corrente, ventilatori da soffitto, la macchinetta del caffè, il frigorifero, la doccia, le finestre e via dicendo. Roombo può essere distrutto quando riceve tre pestoni dai ladri e vi assicuro che verrete inseguiti costantemente.

Utilizzare le trappole

Il robottino ha un raggio in cui può attivare le trappole o farsi inseguire suonando una sorta di clacson che attirerà i ladri. Una trappola non è solitamente sufficiente per eliminare un ladro, dovremo colpirlo più volte per ucciderlo. Trappole come i ventilatori da soffitto richiedono un minimo di tempismo per farli cascare sulla testa del ladro, da notare che anche se la trappola ha mancato il bersaglio qualcuno potrebbe inciamparsi e morire in un secondo momento. In alcuni casi le trappole possono essere concatenate per ottenere un effetto pratico e comico migliore. Ad esempio possiamo far scivolare un ladro su una pozza d’acqua per poi fagli cascare una finestra sulla nuca.

Ragdoll e sangue ovunque

La tenerezza di Roombo non deve trarvi in inganno, una volta finito di contrastare i ladri la casa sembrerà un set di un film di tarantino post sparatoria. Un ladro che si inciampa creerà una chiazza di sangue enorme e sproporzionata, far passare Roombo su un cadavere è l’equivalente di mettere una bomba nel banco macelleria di un supermercato. Il sangue finirà ovunque insieme a qualche pezzo di carne che avrà l’aspetto poco umano (si tratta di salami, prosciutti e via dicendo). I ladri ragdollano in modo stupido compiendo salti irrealistici e andando a sbattere costantemente sul soffitto. Quando Roombo pulisce un tot di sangue si attiva una mossa speciale con cui possiamo “rammare” uno dei ladri lanciandolo dall’altro lato della stanza.

Pulizie post carneficina

Dopo aver terminato i ladri avremo un minuto per pulire, un tempo troppo breve anche solo per riuscire a pulire il 50% del disastro che abbiamo combinato. Le chiazze di sangue sono veramente gigantesche e spesso finiscono sotto ad altri oggetti rendendosi difficili da raggiungere. L’unico modo per riuscire a pulire decentemente la casa è scappare dall’ultimo ladro pulendo il possibile, per poi ucciderlo e completare la pulizia.

Longevità assente

Il prezzo lo poteva far immaginare, Roombo si completa facilmente in un paio d’ore(achievement compresi) ma anche prima inizia ad avvertirsi un pochettino di noia. La casa in cui ci troviamo è sempre la stessa e le uniche variabili che cambiano sono la quantità di ladri e come si comportano (possono essere piccoli e veloci, invisibili ecc…). Alla ventesima partita portata a termine, facendo scattare la stessa sequenza di trappole, si vorrebbe almeno cambiare scenario.

Valutazione Finale

grafica 65%
sonoro 60%
giocabilità 68%
carisma 67%
longevità 55%
Final Thoughts

Roombo, First Blood è un gioco molto casual che può farci divertire per qualche ora ed è adatto a brevi sessioni di gioco di circa 10-20 minuti. La tipologia di gioco lo rende divertente per i ragdoll grotteschi e per gli effetti splatter. Diciamo che vale quello che costa, il divertimento sarà buono ma di breve durata.

Overall Score 63%
Readers Rating
0 votes
0

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.