super mario maker Recensione, WII U

Super Mario Maker – Recensione


Nintendo

Sviluppatore

Nintendo

Publisher

Platform autogestito

Genere

L’AVEVAMO PREVISTO. E ora lo abbiamo pure recensito grazie al nostro recensore jolly Sergio Giansoldati di SEEP.

Per il trentesimo anniversario della saga di Super Mario Bros, nata nell’ormai lontano 1985 per NES, la Nintendo ha voluto festeggiare la sua intramontabile mascotte in modo davvero speciale: regalando ai suoi appassionati il primo editor di avventure del Mondo dei Funghi.
Super Mario Maker era stato annunciato qualche anno fa tra perplessità degli utenti, merito di una scarsezza di notizie (tanto che fino a qualche tempo fa c’era chi metteva addirittura in dubbio la possibilità di scambiarsi livelli online…) tipica della strana politica che ci ha abituati negli anni la software house di Kyoto. Il gioco, man mano con i susseguirsi di rivelazioni e anteprime, super mario maker (5)ha saputo invece conquistare la curiosità anche dei più scettici, tanto che negli ultimi mesi l’attesa era diventata davvero insostenibile.
Ora finalmente Super Mario Maker è realtà, ed è qui per donarci tanto divertimento e una lezione magistrale di level design.

Crea

Già al primo impatto, Super Mario Maker non delude le aspettative. Nonostante all’inizio gli “oggetti” da usare per la creazione dei livelli siano in numero limitato, il potenziale è subito evidente. La maggioranza della “componentistica” verrà sbloccata man mano con il passare del tempo, precisamente ogni giorno per i nove seguenti dal primo utilizzo, giusto per far raccapezzare i giocatori meno smaliziati.
L’assemblaggio dello stage tramite il paddone Wii U appare immediatamente semplice e intuitivo, grazie ad un’interfaccia “drag-and-drop” che ha davvero pochi rivali: basterà toccare con il pennino l’oggetto desiderato e trascinarlo nello schema del vostro livello, senza ulteriori patemi. Non mancano per l’occasione tanti strumenti semplici quanto indispensabili, tipo la gomma per cancellare azioni indesiderate o lo strumento per selezionare più oggetti contemporaneamente per copiarli o super mario makerspostarli a lotti.
Oltre ad un’indiscutibile semplicità, Nintendo ha voluto osare di più cercando in tutti i modi di mettere a proprio agio il nostro estro creativo, trasportandoci in un “luogo di lavoro” confortevole e leggero, dove (paradossalmente?) la componente ludica dell’editor ne diviene la parte fondamentale. A differenza di titoli simili, ma con editor decisamente più macchinosi e noiosi, Super Mario Maker è sempre divertente e leggero, merito anche di trovate davvero fantasiose – come ad esempio la possibilità di sbloccare le versioni più potenti dei nemici (ad esempio i Koopa verdi in quelli rossi) semplicemente scuotendoli, seguiti da immancabili buffe animazione. Oppure vi ritroverete un’invasione di mosche nell’area di lavoro che, se saprete schiacciarle come si deve, azioneranno un vero e proprio mini-gioco. Il tutto si pone in maniera totalmente diversa da un freddo listone di eventi e posizionabili da selezionare in maniera meccanica: lo stesso editor si fa gioco, sempre interessante e profondo da sviscerare senza essere pesante.
Ad arricchire i vari elementi inseribili giungono i quattro pacchetti asset tratti rispettivamente da Super Mario Bros, Super Mario Bros 3, Super Mario World e New Super Mario Bros. Inutile dire che ognuno di questi mantiene anche le proprie caratteristiche del gioco originale; così avremo in Super Mario World il salto a “trivella”, mentre nel New Super Mario Bros potremo sbizzarrirci con i salti multipli sui muri, degni di uno scalatore provetto. Pur sembrando una piccolezza, in realtà si rivelerà una delle feature più importanti, particolarmente adatta per stuzzicare la vostra fantasia e capace di rendere a tutti gli effetti i quattro stili unici e inconfondibili, spingendoci a trovare meccaniche nuove per i nostri livelli.
Unico difetto dell’editor è la limitata scelta dei background: Nintendo ha optato per solo sei differenti tipologie di scenari (Piana, Sotterraneo, Castello, Casa stregata, Mare e Nave volante) scartando così gli indimenticabili background del deserto o i paesaggi innevati. Scelta, questa, molto probabilmente dettata dal fatto che sarebbero stati semplici cambi grafici e non di gameplay; comprensibile, ma sinceramente avrebbe conferito al gioco ancora più varietà.

Gioca

Come era facilmente presumibile, Super Mario Maker ha super mario makeraperto il vaso di Pandora. Migliaia di giocatori hanno letteralmente invaso i server fin dal day one, pubblicando un numero di livelli capaci da soli di garantire giorni e giorni di svago. Ovviamente la qualità di quest’ultimi non è sempre eccellente, anzi, spesso è esattamente l’opposto. Tra una prova e l’altra capiterà di trovarsi di fronte a percorsi scialbi, incasinati, brevi o semplicemente delle prime prove.
Questo però non deve scoraggiare perché qui entra in campo una delle componenti più belle del titolo (e che maggiormente vi terrà incollati vicino al televisore), ovvero vestire i panni di “talent scout” e scoprire i migliori livelli disponibili online; commentarli, aggiungere i loro autori tra i preferiti e premiarli con una bella Stella. Quest’ultime saranno indispensabili per acquisire medaglie speciali che andranno ad aumentare la nostra fama di level designer; infatti solo raggiungendo un determinato numero di stelle potremo superare i limiti dei 10 livelli da pubblicare online. Una scelta davvero saggia da parte di Nintendo, che oltre a dare un’eguagliabile soddisfazione ai creatori di livelli, li spingerà anche a sforzarsi nella progettazione di percorsi sempre più interessanti, aumentando così la qualità generale.
super mario makerOltre a selezionare i livelli tramite i più votati, le novità o i soliti (maledetti) codici, sarà possibile anche affrontare la modalità “Sfida dei 100 Mario” in ben tre difficoltà di gioco, dove tramite una mappa affronteremo casualmente dei livelli (8 per la difficoltà facile e 16 per quella normale e difficile) pubblicati dagli utenti avendo a disposizione 100 vite -possono sembrare tante, ma molti percorsi appaiono particolarmente difficili. Questa si rivela una modalità davvero interessante che rende il gioco virtualmente infinito e sempre vario, che sarà particolarmente gradito da chi ama giocare in maniera standard. Inoltre, completandola sbloccheremo i vari costumi del gioco (molti ottenibili anche con gli Amiibo), facendo così entrare in azione guest star del calibro di Link, i Pikmin, Sonic, Samus, Kid Icarus, Megaman, Pac Man e tanti altri; per un totale di 100 costumi alternativi (!).
Sul versante dell’offline, invece, il gioco offre una modalità simile a quella online chiamata “La Sfida dei 10 Mario”, dove si dovranno affrontare dei livelli perlopiù dimostrativi (anche se davvero divertenti).Sicuramente più gratificante è la possibilità di creare i propri mondi, quindi predisporli in quattro fasi, per sfide molto vicine al primissimo Super Mario Bros (ovviamente potremo inserire le nostre creazioni e i livelli scaricati online). Nonostante la “parte” offline susciti comunque interesse, va sottolineato come la vera “anima” del gioco giaccia nell’online.

Impara

Forse la parte più “preziosa” del titolo è anche quella che super mario makermeno persone sapranno scorgere: Super Mario Maker non permette infatti semplicemente di creare o giocare livelli, ha un intento più profondo, quello di lasciare qualcosa ai suoi utenti, di insegnarli qualcosa.
Così come un Art Accademy non è semplicemente un “paint per Wii U”, Super Mario Maker non è semplicemente un editor di livelli: è una lezione, una piccola scuola per aspiranti game designer. Questo è palese fin da subito, dai vari consigli “sparsi” ai manuali digitale e non, dove potremo trovare non solo interessanti aneddoti riguardo lo sviluppo dei vari capitoli della saga, ma espone anche preziosi consigli su come non fare errori banali di design o come stimolare la nostra creatività.
Il buon Mario non solo ci ha fatto divertire 30 anni, adesso cerca anche di insegnarci qualcosa, di renderci dei videogiocatori più maturi, non solo abili con il gamepad, ma iniziando a muovere i primi passi anche nell’arte (perché questo è) del level design. Forse non diventeremo mai Shigeru Miyamoto, sicuramente però arricchirà la nostra cultura videoludica e, chissà, forse troveremo anche l’ispirazione su cosa fare da “grandi”.

super mario makerPer quanto sia quasi superfluo parlare del lato tecnico in un prodotto simile, è bene specificare come la grande N non abbia lasciato niente al caso, senza limitandosi a confezionarlo in maniera sterile, forte solo del suo editor e degli sprites del passato.
Super Mario Maker al contrario sfoggia una grafica fresca e minimale. L’interfaccia essenziale, fatta di finestre in stile vettoriale, ben si mischia con gli storici sprite della serie, conferendo all’opera un look moderno, il quale riesce perfettamente nell’intento di esaltare e valorizzare lo spirito vintage dell’intera opera.
Anche per quello che concerne il sonoro è stato fatto un ottimo lavoro, proponendo in maniera fedele i classici brani in stile 8 bit, 16 bit e quelli più moderni della serie New Super Mario Bros. Ovviamente non mancano remix e tante altre curiosità tutte da scoprire.

Valutazione

Grafica 80%
Sonoro 84%
Giocabilità 92%
Carisma 95%
Longevità 100%
Final Thoughts

Super Mario Maker va oltre al significato stesso di gioco: esso accorcia drasticamente le distanze tra sviluppatori e giocatori, trasformando un sogno in realtà. E se è vero che l'editor in sé non è una novità nel panorama videoludico, quello che rende questo prodotto davvero unico (oltre ad una immediatezza vista di rado) è la sua capacità di superare i confini tra la fase di creazione e quella di gioco, in un trionfo ludico senza precedenti, capace di spronare la parte più creativa e fanciullesca che c'è in noi. Mai fine a se stesso e dalle scelte ricercate, Super Mario Maker porta con onore tutti i 30 anni di una saga che ha scritto la storia del mondo dei videogiochi: è un’esperienza profonda che non può mancare nella collezione di ogni buon videogiocatore.

Overall Score 90%
Readers Rating
1 votes
98