symphony PC, Recensione

Symphony – Recensione


Empty Clip Studios

Sviluppatore

Empty Clip Studios

Publisher

Azione, Casual

Genere

Acquistare un gioco indie(e non) senza informarsi prima è quasi sempre un rischio, la qualità varia in modo siderale e potreste trovarvi per le mani un capolavoro come Braid o una ciofeca qualsiasi che non userete una seconda volta. Symphony viene concepito come gioco indie ma con un’idea alla base davvero geniale, guardiamoci il trailer.

Symphony è uno sparatutto a navicelle con scorrimento verticale e fin qui davvero nulla di minimamente nuovo. Si governa una navetta munita di quattro dock per le armi che possono essere sbloccate e personalizzate proseguendo nel gioco grazie a punti di ispirazione e Kudos, le quattro armi sono inoltre indirizzabile grazie a due semplici pulsanti che ci permettono di modificare l’angolo di tiro su 360 gradi. I nemici che ci troveremo davanti non sono molto vari o innovativi, si va da alcune navette piuttosto piccole e non armate a vascelli più grandi, stazioni orbitali e demoni (capirete più avanti). Fin qui ancora nulla di così sconvolgente… ma parliamo dei livelli che andremo ad affrontare che numericamente sono quasi infiniti. Perchè? Perchè il livello è determinato dalla musica che state ascoltando. Symphony permette di collegare le tracce audio al gioco semplicemente selezionando la cartella dove avete riposto i brani e una volta scelta una canzone e atteso un breve tempo per la creazione del livello potrete tuffarvi nel gioco. Un cambio di ritmo nella musica provocherà una velocizzazione o un rallentamento delle navette avversarie e allo stesso tempo il colore di sfondo del gioco potrà variare dal blu al viole e successivamente al rosso in base al ritmo. Ogni livello ha delle barriere di punti da raggiungere per ottenere punti Kudos necessari per sbloccare o potenziare le armi.symphony Il limite deve essere conseguito distruggendo gli avversari che una volta andati in pezzi rilasceranno una nota musicale che farà salire il vostro livello di Ispirazione. Raccogliere l’Ispirazione è semplice, basterà passarci sopra con la navetta prima che scompaia. Ovviamente durante il gioco la nostra navicella può essere danneggiata e distrutta dagli avversari, nel primo caso perderemo potenza di fuoco diventando più vulnerabili e nel secondo ci verrà sottratta una parte dell’Ispirazione accumulato per rigenerare la nave. Se danneggiati non allarmatevi dato che basta raccogliere una qualsiasi delle note musicali fonte d’Ispirazione per riparare una porzione della nave e riguadagnare la potenza di fuoco perduta. Nel gioco sono presenti anche altri power up che possono essere spawnati dalle navette distrutte, alcuni di essi sono sbloccabili e potenziabili come una qualsiasi delle armi del nostro vascello.

TRAMA

symphonyNon parrà vero ma gli sviluppatori sono anche riusciti a dare una trama a Symphony, in breve un demone si è impadronito delle anime dei compositori e noi ultimando in livello le liberiamo. Una volta liberata un’anima ci verrà mostrato una sorta di spartito colorato di rosso, la nostra prodezza farà diventare una parte della pagina di colore bianco come se avessimo estirpato un male. L’incontro con il demone può essere casuale e ci trascina in uno scontro con un nemico a forma di gigantesca testa, la distruzione di quest’ultima ci darà un gran numero di punti Ispirazione ma allo stesso tempo escluderà la partita corrente dalla graduatoria dei migliori punteggi (la sconfitta del demone ci garantisce davvero tantissimi punti). Al momento della manifestazione del demone ci verranno tolti i comandi per una manciata di secondi e vedremo due occhi di colore bianco apparire sullo schermo e sentiremo una voce un pò distorta che appartiene appunto al demone. Se vedete ciò quindi non prendetevi male dato che è solamente il gioco che fa il suo corso.

GRAFICA

shymphony (7)Minimale ma efficace, non è nulla di trascendente ma nel complesso è buona e i colori sono sgargianti ma non danno alla testa. Molto belli gli effetti che si vengono a creare durante il gioco come ad esempio le scintille che partono quando colpiamo qualcuno oppure le note che fluttuano sul campo di battaglia. In questa sezione mi tocca parlare dell’unico vero difetto che mi sono trovato davanti giocando a Symphony, in alcuni momenti non meglio specificati il gioco produce qualche scatto. Dato che è un problema decisamente importante per un gioco frenetico in cui una laggata può farci stampare contro ad una nave che ci viene contro oppure parare un proiettile, gli sviluppatori hanno riconosciuto il problema e si sono messi al lavoro per risolverlo promettendo un fix appena possibile. Non me la sento davvero di massacrargli il voto per questo dopo tutto l’ottimo lavoro fatto.

PERSONALIZZAZIONE DEL VASCELLO

symphonySebbene la nostra navetta apparirà sempre allo stesso modo potremo agevolmente modificare armi e il loro puntamento dalla schermata di personalizzazione. La schermata ci apparirà decisamente intuitiva e le armi che avremo a disposizione saranno quelle sbloccate precedentemente spendendo punti Ispirazione e Kudos. La presenza di un’arma nella lista non ci permette di utilizzarla immediatamente su tutti e quattro gli attacchi disponibili, se ne vorremo una seconda ci toccherà sbloccarla giocando. L’unica arma replicabile immediatamente è il Blaster che ci viene fornito di base sulla navetta, il problema e che diverrà ben presto poco efficace e saremo quasi costretti a cambiare la dotazione. L’utilizzo del Blaster nelle parti avanzate del gioco avviene per un solo motivo: fare punti. Il nostro punteggio finale viene calcolato sommando tutta l’ispirazione ottenuta dal livello e moltiplicandola per un numero che verrà ottenuto in base agli armamenti della nostra astronave. Se siete armati fino ai denti è probabile che in vostro moltiplicatore abbia come cifra significativa uno zero e quindi i punti finali verranno diminuiti. Inoltre ogni vascello che perdiamo ci porta una penalità di 2500 punti, da notare che il solo danneggiamento non comporta nessuna penalità a livello di punteggio

LIVELLI DI DIFFICOLTA’

I livelli di difficoltà sono molti e hanno nomi derivati dall-ambito musicale. Elenco le sei difficoltà qui sotto:

PIANISSIMO
PIANO
MEZZO PIANO
MEZZO FORTE
FORTE
FORTISSIMO

Sebbene i nomi possano fare un pò ridere vi assicuro che ai livelli alti manca solo che vi tirino contro le tazze del cesso. Penso che sia davvero importante sottolineare che oltre al livello di difficoltà anche la canzone selezionata farà differenza, utilizzare una canzone di musica classica piuttosto tranquilla potrà portare ad un livello molto lento e facile ma se ascoltate qualche band di metallari paura vi assicuro che pare di essere in autostrada a 180Km/h.

BRANI INCLUSI NEL GIOCO

Includo una piccola lista delle tracce che verranno fornite acquistando Symphony, maggiori informazioni le potrete trovare accedendo alla sezione apposita creata nel gioco relativa agli artisti.

Dynasty Electric – Electric Love
Dynasty Electric – Oasis
Evan Gamble – Deep Heart
Evan Gamble – Leaving Laughlin
James Young – Large Black Window
James Young – Sun Rise Marfa
John Belkot – The Women With Renoir’s Umbrella
Joshua Bornfield – Dimitri’s Troika
Joshua Bornfiels – Surge
MdLC – Eight
MdLC – Slide [strumentale]
Mercer Friendly – Boken Loop
Mercer Friendly – Gymnopedie
Mercer Friendly – High Line Automan
Mercer Friendly – Sluggos Revenge
Prettydead Ferrari – Palm Trees
Prettydead Ferrari – Something Wicked
Seasick Mama – A Company
Seasick Mama – Quit Your Job
Soliton – Asymetric Mutation
Soliton – I Love My C-64

Valutazione

Grafica 76%
Sonoro 94%
Giocabilità 88%
Carisma 95%
Longevità 100%
Final Thoughts

Signore e signori siamo di fronte ad un ottimo titolo. L'unico neo è quello degli scatti occasionali che si spera verrà opportunamente fixato nel minor tempo possibile. L'idea è geniale e ci permette di giocare utilizzando la nostra musica preferita in pochi clic creando oltretutto una classifica a punti ottenuta in base al titolo della canzone. Io vi consiglio di provarlo dato che di titoli indie ottimi e a prezzo contenuto non se ne vedono tanti, termino l'articolo con una menzione al merito per gli Empty Clip Studios e tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione dato che sono stati protagonisti di un lavoro davvero fantastico.

Overall Score 90%
Readers Rating
0 votes
0