Rubriche

Torino Xmas Comics and Games 2018 – Report sul campo


Come non mancare il mitico Metal Slug 1, e come non mancare chi guarda giocare commentando male internamente chi stia guidando TAEEERMAAH in quel momento.

Ebbene sì, come ci piace fare ogni tanto nell’anno andiamo a ravanare con i nostri nerdici nasi (anzi, con le nostre nerdiche narici, che suona meglio) all’interno delle manifestazioni italiane del settore: come non mancare dunque quella prenatalizia per eccellenza, ovvero l’Xmas Comics and Games 2018, versione invernale del più noto Torino Comics and Games.
La fiera continua ad essere una versione ridotta di quella di aprile, con un nutrito campionario di oggettistica a tema fumetto / film / telefilm / giappone, che fa poi seguire altri rami d’intorno. Uno tra questi l’angolo del fumetto vero e proprio, seppure sempre più scarno, con giusto due o tre case editrici, due fumetteria e qualche spazietto per l’usato… in effetti la scritta “Comics” sta diventando sempre più minuscola, seppur con qualche ospite interessante e spazietti per le autoproduzioni; ultima osservazione al proposito, il fatto che perlomeno sia stata messa in zona ingresso, perchè risulti poco più evidenziata, meglio così.

“Assetto Corsa: Rainbow Road DLC”

Largo e affollato il palco dedicato ad incontri con vips nerdici e ring di scontri tra cosplayer, ovviamente che non si menano tra loro (seppur resti un’idea divertente da vedere), ma si sfidano a suon di interpretazioni dei loro personaggi e costumi sempre più accurati.

Ma veniamo a ciò che più ci compete, ovvero l’area games, ludica et videoludica: qui quest’anno purtroppo direi che c’è stato qualche ammanco e qualche svolta un po’ troppo specifica e settoriale. Parto dai videogames, che sarebbero poi il nostro boccone delicato: si è potuto trovare qualche gioco retrò (malelingue sul posto parlano anche di sconti la domenica rispetto alla giornata precedente), la classica area cabinati ed un ricco simulatore di guida, però così dicendo si è abbastanza coperto il tutto. Peccato, perchè qualche esclusiva natalizia, magari da parte di qualche sviluppatore, sarebbe stata presenza interessante. Per l’area da tavolo invece si sente la mancanza di qualcuno che faccia provare titoli in quantità (peraltro singolare il fatto che due delle associazioni più grandi locali fossero impegnate in eventi loro personali in uguali pomeriggi), seppur penso sia stata scelta ponderata quella di dare spazio al recente Keyforge, titolo di mazzi da lootare erede del Magic che tanto ci ha accompagnato. Meglio? Peggio? Diciamo, a mio avviso, diverso… con delle remore, ma un giorno forse ne parleremo più accuratamente.
Per adesso vi lascio alla galleria fotografica, realizzata da LaVale™, e commentata dal sottoscritto.
Engioi!

LA GALLERY

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.