unlucky mage 3DS, Recensione

Unlucky Mage – Recensione


Exe Create

Sviluppatore

Kemco

Publisher

Gioco di ruolo

Genere

Nuovo jrpg vecchia scuola di casa Kemco che fa il salto da cellulari a 3DS: oggi parliamo di Unlucky Mage, e ancor prima di parlarne ve ne mostriamo un trailer pieno di allegria. Forse:

Il mago sfigato

In Unlucky Mage vestiremo i non propriamente comodi panni di Jasper, mago in una terra dove gli incantatori non sono esattamente visti di buon occhio – e con “non sono esattamente visti di buon occhio” intendiamo “vengono presi a sassate a vista”. La terra dove vive Jasper non è propriamente un luogo ameno, e a dirla tutto lui non è proprio l’esatto tipo di eroe o almeno potenziale persona perbene: Jasper punta sostanzialmente a sopravvivere, a studiare e a pensare ai ‘zzi suoi senza farsi lapidare dal prossimo. Purtroppo –  o per fortuna? – una serie di eventi inattesi porta Jasper a trovarsi con la casa bruciata e costretto a fuggire in un regno lontano dove, suo malgrado, si troverà unlucky magecoinvolto nelle avventure della Principessa Christel e in una serie di GOMBLODDI di drammaticità crescente. E, in uno strano feeling spoiler-free – non sgamiamo altro e passiamo al gameplay.

Tipicità

Il gameplay di Unlucky Mage presenta le caratteristiche più tipiche dei jrpg, unite al “taglio” delle produzioni Kemco recenti. Avremo pertanto una quest principale da seguire più o meno intervallata da semplici missioni secondarie, di per sé “celate” e ottenibili parlando a random (o a cazzo) con i vari png sparsi per città e agglomerati urbani di genere. Le varie località si dividono, come da copione, in località sicure e dungeon, collegati dalla tipica mappa del mondo. Per la cronaca, gli attacchi casuali sono abbastanza frequenti ma non “ossessivi” come in altri titoli della stessa casa.

I combattimenti sono a turni, con tecniche a velocità variabile che rendono la decisione del “cosa fare” più tattica del previsto. La personalizzazione dei membri del party passa dalla consueta gestione dell’equipaggiamento su slot per unlucky magearma/armatura/oggetti – tutto relativamente semplice, ma comunque diretto ed efficace.

Tirando le somme, Unlucky Mage si rivela un jrpg molto classico e altrettanto piacevole. Con un gameplay che scorre tranquillo, composto da meccaniche di facile assimilazione e da una curva della difficoltà gestibile ma non tarata a livello macaco, Unlucky Mage si fa giocare con piacere fino ai titoli di coda, complice un’ambientazione fantasy sì tipica ma comunque interessante. I personaggi sono caratterizzati a sufficienza e non sono mai irritanti: in particolare, risulta divertente la difficoltà di adattamento del riluttantissimo Jasper a un nuovo regno dove effettivamente ci sono tante brave persone, con il nostro che non riesce a capacitarsi del fatto che non ci siano bastardi arrivisti ogni tre metri.

Note tecniche

Tecnicamente parlando, Unlucky Mage presenta sia qualche bega che spunti soddisfacenti. La prima cosa che salta all’occhio è l’effettaccio “tremolio” della grafica in alcune sezione (soprattutto a inizio gioco), che non fa molto bene unlucky magealle cornee. Di contro, lo stile vintage 16-bit è ben reso, e artisticamente parlando il gioco si rivela solido, in particolare sotto il profilo della qualità dei ritratti dei personaggi. Le mappe delle location, come in altri giochi Kemco presenti nello schermo inferiore della console, mantengono lo stile Tecnocasa in bicromia.

Il sonoro si rivela soddisfacente, con musiche leggere ma comunque ben atte a sottolineare quanto accade a schermo. Stesso discorso positivo per gli effetti, retrò ma funzionali.

Come negli altri porting da cellulare di casa Kemco, torna il non-uso del touch screen per la gestione dei menù, cosa che continua a stupirci. Di contro, il sistema di controllo si rivela efficace e reattivo, al di fuori di beghe di genere.

Valutazione

Grafica 70%
Sonoro 72%
Giocabilità 78%
Carisma 84%
Longevità 80%
Final Thoughts

Unlucky Mage è un nuovo piacevolissimo jrpg che giunge da noi dai lidi Kemco. Dal gameplay solido e dal comparto tecnico tutto sommato soddisfacente, si rivela un prodotto valido per la fascia di prezzo alla quale è proposto, che di sicuro interesserà gli appassionati di jrpg.

Overall Score 76%
Readers Rating
0 votes
0

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.