Anteprime, PC

World Of Warcraft: Warlords Of Draenor – Anteprima


Blizzard Entertainment

Sviluppatore

Activision Blizzard

Publisher

MMORPG

Genere

Sono passati ormai due anni dall’uscita sul mercato di Kung Fu Pan… Ehm, Mist Of Pandaria, e Blizzard, puntuale come un orologio, annuncia al mondo la sua quarta espansione dedicata a World Of Warcraft il popolarissimo mmorpg ammazza vita sociale che conta sette milioni di utenti, più di qualsiasi altro titolo del genere. Naturalmente stiamo parlando di World Of Warcraft: Warlords Of Draenor, che abbiamo provato in anteprima sui server di test.

C’ERANO UNA VOLTA LE TERRE EMERSE

WOD Draenor
Warlords Of Draenor sembra puntare maggiormente sulla trama: una storia così epica non la si vedeva dai tempi di The Burning Crusade, a cui in un certo senso si collega. Già, le vicende si svolgono su Draenor, che non sono altro se non le Terre Emerse del passato. Ma come si è arrivati a questo? Garrosh Malogrido, l’ex Capoguerra dell’Orda deposto dopo l’assedio di Orgrimmar, riesce ad evadere con l’aiuto di un individuo in grado di manipolare il tempo, rifugiandosi su Draenor, le Terre Emerse del passato, prima che venissero distrutte dando forma al mondo che abbiamo imparato a conoscere in The Burning Crusade . Scopo di Malogrido è riunire i clan degli Orchi del passato creando così l’Orda di Ferro, con l’obiettivo finale di portare un attacco all’Azeroth del presente, quella che tutti noi conosciamo. Il nostro scopo sarà tornare nel passato, allearci con i grandi eroi del tempo e portare un attacco a Draenor, prima che gli Orchi dell’Orda di Ferro possano superare il portale e distruggere la nostra Azeroth.
WOD Draenei
In Warlords Of Draenor tornano protagonisti anche i Draenei: ricollegandoci alla prima espansione, rivivremo il momento più delicato della loro storia, in cui i nostri arieti alienoidi si sono rifugiati in un angolo della costa con i loro insediamenti scintillanti e pieni di libri, con le armi dell’Orda di Ferro puntate contro.
Insomma, questa volta Blizzard sembra proporre un background storico piuttosto solido, proponendoci una trama veramente articolata ed epica, con una lunga fase su una regione dedicata piena di quest che ci introducono al “nuovo” mondo di Draenor e ai suoi contenuti, molto piacevole da svolgere e con numerose sequenze video e azioni degne di un RPG single-player.

CAMBIAMENTI SOTTO IL COFANO

WOD Gameplay
Se da una parte la trama convince, per quanto riguarda i contenuti troviamo cambiamenti nettamente minori rispetto alle precedenti espansioni. O meglio, i cambiamenti ci sono, ma non sono così tangibili. Il level cap è stato portato a 100 e sono state aggiunte8 nuove spedizioni e 3 nuove incursioni legate, ma non troviamo nuove classi, non sono state introdotte nuove razze, e il gameplay è rimasto invariato, senza alcun cambiamento riguardo alla gestione dei talenti o delle magie. Ciò che cambia è sotto il cofano: a partire dal motore grafico, completamente rivisto, con texture più definite e nuovi sprite per i personaggi. Maggior attenzione viene posta anche alle armi, gli equipaggiamenti e ad alcuni dettagli dei menu e delle finestre, migliorando nettamente la resa visiva.
WOW Garrison
Ma arriviamo a quella che può essere considerata l’unica vera innovazione di Warlords Of Draenor, ovvero la guarnigione. In pratica su Draenor potremo costruirci una fortezza che fungerà da nostro quartier generale: la guarnigione potrà essere personalizzata in molti aspetti: potremo sceglierne la forma e aggiungere o potenziare edifici, magari preposti alla raccolta di risorse o alla creazione di oggetti, o anche una locanda per reclutare seguaci, NPC che saranno in grado di svolgere varie missioni per nostro conto. I seguaci saranno in grado anche di unirsi ai membri di altre guarnigioni amiche per portare termine più velocemente determinate missioni. Infine, sarà anche possibile commerciare tra le varie guarnigioni… In pratica disporremo di una sorta di mini città, perfettamente integrata e persistente nel mondo di Draenor.

Fomento
Final Thoughts

Warlords Of Draenor sembra ritagliarsi un ruolo da protagonista tra le espansioni wowistiche: un motore grafico finalmente rinnovato nei personaggi e nelle interfacce, una trama epica degna di World Of Warcraft e tante piccole semplificazioni che rendono la vita meno difficile al giocatore (come il riordino automatico degli oggetti nell’inventario). Alcuni cambiamenti possono essere già goduti con la pre-patch disponibile dal 16 ottobre, ma per scoprire la vera essenza di Warlords Of Draenor bisognerà attendere ancora un mesetto. Dunque, giocatori di World Of Warcraft, appuntamento al 13 novembre con questa imperdibile espansione, che si preannuncia essere una delle migliori del lotto.

Overall Score 4.5
Readers Rating
0 votes
0